POESIE - CALABRIA
A ttàula cunzata
Sonetto inedito, composto subito dopo aver ascoltato in televisione la notizia della morte di Luciano Pavarotti.
Dialetto: Calabria

A ttàula cunzata
Sapiva ch’eri cumbinatu mali…
L’ura d’u pranzu. ’Ddumandu ’a T.V.
vitti ’a to’ fotu ntô teliggiurnali
e ccapìa: Lucianu no’ nc’è cchiù!

Scusa ’stu tonu cunfidenzïali
ma n’Artista chi ffu chiddu chi ffu,
ch’è cciangiutu a llivellu mondïali
àvi dirittu mi nci ramu u tu.

Di sòlitu, a nnutìzzii ’i ’sta purtata
rrestu friddu, abbitùtini non cangiu,
ma oggi è ppisantìssima ’a lignata.

Non sentu nuddu stìmulu mi mangiu
Afflittu vardu ’a tàula cunzata:
comu pozzu mangiari mentri ciàngiu?


Traduzione in italiano

A tavola apparecchiata
Sapevo ch’eri conciato male…
L’ora del pranzo. Accendendo la TV
ho visto la tua foto nel telegiornale
e ho capito: Luciano non c’è più!

Scusa questo tono confidenziale
ma un Artista ch’è stato ciò che è stato
ch’è rimpianto a livello mondiale
ha diritto che gli diamo il tu.

Di solito, a notizie di questa portata
resto freddo, non cambio abitudini,
ma oggi la legnata è pesantissima.

Non sento alcuno stimolo di pranzare.
Afflitto, guardo la tavola apparecchiata:
come posso mangiare mentre piango?

Racconto inviato da: MAMUNI