POESIE - VENETO
El to posolo, mama

Dialetto: Veneto

El to posolo, mama
Có passo par Santa Lussia, mama,
no vedo più i gerani e l'oleandro rosa
'tel posoleto de fero de casa tua.

No ghe xe fiori e gnanca strasse
picà via sugare,
i balconi de legno no i sbate più
pa’l vento che sùpia
a primavera.

A te me vien inamente, seto,
có vedo i buti che s'ciopa,
có vien zo on scravasson,
có sento torno sta aria stranba
de primavera.

Te te metevi fora,
'tel posoleto coverto de giornài
e te piantavi fiori novi,
smovendo la tera, lustrandote le man
tel traverson da cusina.

E in pochi giorni, a Santa Lussia,
rivava primavera, mama.


Traduzione in italiano

Il tuo poggiolo, mamma
Quando passo per Santa Lucia, mamma,
non vedo più i gerani e l’oleandro rosa nel piccolo poggiolo diferro di casa tua

Non ci sono fiori e neppure panni
stesi ad asciugare,
i balconi di legno non sbattono più
per il vento che soffia
a primavera.

Mi torni alla mente, sai,
quando vedo le gemme che scoppiano,
quando scende un acquazzone,
quando sento attorno questa aria strana
di primavera.

Ti mettevi fuori,
nel piccolo poggiolo coperto di giornali
e piantavi nuovi fiori,
smuovendo la terra, lisciandoti le mani
nel grembiule da cucina.

E in pochi giorni, a Santa Lucia, arrivava primavera, mamma.


Racconto inviato da: Ines Scarparolo