POESIE - CALABRIA
Si pecura ti fai lupu ti mangia...
Poesia del poeta Cauloniese Giovanni Di Landro, formata da otto quartine di endecasillabi. Il poeta qui vuole far capire che nella vita si deve fare attenzione a tutte le persone perchè spesso sono arroganti e prepotenti e anche se hanno torto riescono, con la loro prepotenza, ad avere ragione e a screditare le persone oneste. Ma la poesia, prendendo spunto da un noto proverbio calabrese, dice che non possiamo farci sopraffare da chi usa solo prepotenza e non merita nulla, e che quindi per vivere dobbiamo saperci destreggiare bene...
Dialetto: Calabria

Si pecura ti fai lupu ti mangia...
Si pecura ti fai lupu ti mangia,
mi dissi a mmia na vota u nonnu meu,
e doppu u capiscìvi puru eu
e chista idea chi ndaiu nudu a cangia.

Ognunu 'on ndavi u faci u prepotenti,
ma ndavi u m'esti onestu ed educatu,
cà comu tratti all'atti sì trattàtu
e nudu certu ti po' diri nenti.

Ma tanti voti 'on esti i sta manera,
pecchì i persuni 'on sunnu tutti i stessi,
e poi l'onesti passanu pe' fessi,
e v'assicuru ch'è na cosa vera!

Perciò non si poti esseri mai boni,
e i l'atti genti non ti poi fidari,
cà ognunu si ti poti pugnalari
u faci senza nuda esitazioni.

Poca esti a genti seria e intelligenti
cu cui si po' parrari d'ogni cosa,
poca esti a genti onesta ed operosa
chi sapi mu rispetta l'atta genti.

Allura ncunu poti capiscìri
ca tutti ndannu u m'ennu disonesti,
ed accussì nta tuttu u mundu 'on c'esti
mancu cchjù na persuna da cridìri!?

Però non è accussì e ogni persuna
ndavi sempi u si sapi regulari:
si tratta bonu cui po' meritari
e a l'atti cunfidenza non si duna.

Perciò nta vita ndavìmu mu sìmu
menzi gran cacciaturi e menzi predi,
non sulu lupi o sulu pecuredi:
chistu esti u modu giustu mu vivìmu.


Traduzione in italiano

Se ti fai pecora il lupo ti mangia...
Se ti fai pecora il lupo ti mangia,
mi ha detto una volta mio nonno,
e dopo l'ho capito pure io
e questa idea che mi sono fatto non me la cambia nessuno.

Ognuno non deve fare il prepotente,
ma deve essere onesto ed educato,
perchè sarai trattato come tratti gli altri
e nessuno ti potrà dire nulla.

Ma tante volte non è proprio così,
perchè le persone non sono tutte uguali,
così poi gli onesti passano per cretini,
e vi assicuro che è una cosa vera!

Perciò non si può essere sempre buoni,
e non ti puoi fidare delle altre persone,
perchè ognuno se ti può pugnalare
lo fa senza nessuna esitazione.

Poca è la gente seria e intelligente
con la quale si può parlare di ogni cosa,
poca è la gente onesta ed operosa
che sa rispettare l'altra gente.

Allora qualcuno potrà capire
che è meglio che tutti siano disonesti,
così in tutto il mondo non ci sarà
neanche più una persona da credere!?

Però non è così e ogni persona
deve sapersi sempre regolare:
si tratta bene chi merita
e a gli altri non si dà confidenza.

Perciò nella vita dobbiamo essere
un po' "grandi cacciatori" e un po' "prede",
non solamente "lupi" o solamente "pecore":
questo è il modo giusto di vivere.

Racconto inviato da: Giovanni Di Landro