POESIE - MARCHE
BABBU,EL FERàRU
La figura paterna torna alla memoria ,vigorosa e dignitosa,pur nell'atto dell'umile lavoro.
Dialetto: Marche

BABBU,EL FERàRU
Quell'omu cun qu'i bracci
secchi e pussènti,
quell'omu cu'le ma'
forte e ben fatte,
quell'omu che sudàa
(tenaje e mazza)
era el feràru.
Gònfie le 'ene
'nt' i bracci radecàte,
surgènte viva
de 'sta 'ita mia,
'ncora adè 'éggu:
'éggu la fronte alta,
le stille de sudore,
sia che gennàru fusse
o fusse agostu.
Qu'i cchiòppi rembumbàa
finu ggio' 'l maru,
batteà più dell'urlòggiu
l'ora del giornu:
fèru sturcéa,'nte'l fogu
vivu e rosciu,
sopre la 'ncutena
menàata tutt'el tempu.

Era el feraru,
la 'oce del laoru!


Traduzione in italiano

BABBO,IL FABBRO
Quell'uomo con quelle braccia
asciutte e possenti,
quell'uomo con le mani
forti e ben fatte,
quell'uomo che sudava
(tenaglie e mazza)
era il fabbro.
Turgide le vene
nelle braccia radicate,
sorgente viva
di questa vita mia,
ancora adesso rivedo:
vedo la fronte alta,
le gocce di sudore,
sia che gennaio fosse
o fosse agosto .
Quei colpi rimbombavno
fino al mare,battevano più dell'orologio
l'ora del giorno:
ferro forgiava,nel fuoco
vivo e rosso,
sopra l'incudine
battuta tutto il tempo.

Era il fabbro,
la voce del lavoro!

Racconto inviato da: Novella Torregiani