POESIE - CAMPANIA
'A LAVAGNA D''A SCOLA
La poesia è stata pubblicata nel 1993 nel libro MIGNON dal titolo MUSICA NOVA Ed.Lo Stiletto - Napoli facente parte della collana POSIDONIA. E' nata però negli anni 70 .
Dialetto: Campania

'A LAVAGNA D''A SCOLA
'Ncopp''o banco :l'inchiostro , 'o pennino ,
nu quaderno a quadrette , 'a cartella ,
na guagliona bellella vicino ,
piccerella e accussì cannetella .
'Nfaccia a nuje truneggiava 'a lavagna
addò spisso screvevemo 'o nomme
cu' duje core e na freccia sulagna
ca 'e 'nfezzava astrignelle , e comme!
Ma na mana cchiù grossa veneva
a levà chelli scritte d'ammore:
che silenzio antrasatta scenneva
miez'a nuie , dint'a cchilli duie core .
E' ricordo? No, è storia d'aiere
ca pò essere pure 'e dimane
fino a quanno ce stà 'int''e penziere
'o calore e 'a carezza d''e mmane.
'A nennella bellella ogge è nonna
e pur'io ma cu' n'ata cumpagna.
Quanta vote però 'o core sonna
chillu banco , 'o quaderno , 'a lavagna ...


Traduzione in italiano

LA LAVAGNA DELLA SCUOLA
Sul banco : l'inchiostro , il pennino ,
un quaderno a quadretti , la cartella ,
una ragazza bellina vicino
piccola e così candida .
Di fronte a noi troneggiava la lavagna
dove spesso scrivevamo i nomi
con due cuori ed una freccia solitaria
che li trapassava stringendoli , e come !
Ma una mano più grande veniva
a levare quelle scritte d'amore
che silenzio all'improvviso scendeva
tra noi due , in quei due cuori !
E' ricordo ? No , è storia di ieri
che può essere anche di domani
fino a quando ci sta nei pensieri
il calore e la carezza delle mani .
La ragazza bellina oggi è nonna
ed anch'io ma con un'altra compagna
quante volte però il cuore sogna
quel banco , il quaderno, la lavagna...

Racconto inviato da: Luciano Somma