RACCONTI - PIEMONTE
Fàul ëd Fedër
Questa vuole essere una riproposizione di alcune tra le più note favole di Fedro nel dialetto di Megolo di Pieve Vergonte (val d'Ossola - VB). Nel tradurle ho cercato di attenermi alla grafia piemontese.
Dialetto: Piemonte

Fàul ëd Fedër
LA VOLP E L’UVA

‘Na volta gh’era ‘na volp c’la gh’eva fam e, pasand taca a ‘na vigna, l’eva vist ‘na bèla uva ch’ la gniva giù da ‘n pergolà.
- Che bèla cola uva lì! – l’eva dicc la volp e subit alora l’eva facc ‘n sàut për cercà da ciapàla, senza përò riuscìgh, përchè l’era treup àuta. E alora l’eva faj subit n’àutar sàut e torna n’àutra volta e pussé la sautava, pussé og’ gniva fam.
Quand përò la s’eva ‘nicorgioa che tutt i sò sforzi ij servivan a nota alora l’ha dicc: - Cola uva lì l’è mia ‘nco madura, l’è scerba e la ‘m pias mia. E così la s’ a ‘lontanà tuta superbia, ma con la rabia ‘ntal còr.
Costa storia chì l’è par coij chi discprézi a paròl col chi pòdi mia vegh.


LA VOLP E LA CICOGNA

‘N bél dì ‘na volp eva invidó ‘na cicògna a cena; për pijàla in gir la gh’eva servì ‘l breud ‘ntan piàt larg. E ‘ntant che la volp la bevèva con facilità, la cicògna col so bèc long la tentava inutilment da bèva, rimanend insì a boca sciucia.
La cicògna cola volta lì l’eva dicc gnente ma ‘n quaj dì dopo l’eva ricambió l’invito. Për cena l’eva preparó ‘na bona supa ëd carn trià servìa ‘ntan fiasc long e strenc. Ol bec dla cicògna ‘g pasava senza problema, ma il mus dla volp invece ‘g podeva mia pasàgh!
E intant che la volp la lecava ‘l coeul da col fiasc, l’ucel migrator g’ha dicc: - Ognidun o g’ha da nà dré a col ch’l’ha daj com esempio.
Chi la fa l’aspetti!


LA VOLP E ‘L SCORBAT

‘N bel dì ‘n scorbat l’eva trovó sul davanzal da ‘na finestra ‘n bel tòc ëd formagg; dopo ch’l eva pijà su col bèc, l’era naj su për un arbol për mangiàsal in pas. Propi in col moment lì, pasava da la ‘na volp che, sentendo l’odor, l’eva auzó la testa e l’eva vist col tòc ëd bon formagg.
- Bondì, scior scorbàt – l’eva dicc la volp furba. –‘me t’se bél! Che bej penn néghër che ti ghei!… s’ la tò vos la fudéss bela ‘me i tò penn, ti sarisat sicurament il re di uceij!
‘L scurbat vanitos alura o sa sentiva lusingó da coij bej paròl e, vinciù dala tentazion da fà senta la so vos, l’eva duvert ‘l bèc. In col moment ‘l formagg l’è nàj giù për tèra, e la volp lì da sota l’ha podù mangiàsal con delizia.
La moral? Chi o god da essi lodó con paròl fàus prima o poi o gà da pentìss.



Traduzione in italiano

Favole di Fedro
LA VOLPE e L'UVA

Un giorno una volpe affamata passò accanto a una vigna e vide alcuni bellissimi grappoli d'uva che pendevano da un pergolato.
- Bella quell'uva! - esclamò la volpe e spiccò un balzo per cercare di afferrarla, ma non riuscì a raggiungerla, perchè era troppo alta. Saltò ancora e poi ancora e più saltava più le veniva fame.
Quando si accorse che tutti i suoi sforzi non servivano a nulla disse: - Quell'uva non è ancora matura e acerba non mi piace! - E si allontanò dignitosa, ma con la rabbia nel cuore.
La favola è scritta per coloro che disprezzano a parole ciò che non possono avere.


LA VOLPE e LA CICOGNA

Un giorno la volpe invitò a cena la cicogna; per prendersi gioco di lei le servì del brodo in un piatto largo. Mentre la volpe lo lambì facilmente, la cicogna col suo lungo becco tentò inutilmente, rimanendo a bocca asciutta.
La cicogna non disse nulla ma pochi giorni dopo ricambiò l'invito. Per cena preparò una gustosa zuppa di carne tritata che servì in un fiasco lungo e stretto. Il becco della cicogna ci passava senza difficoltà mentre il muso della volpe non riusciva ad entrarci.
Mentre la volpe leccava invano il collo dei quel fiasco l'uccello migratore disse: - Deve ognuno seguire di buon grado quello di cui egli stesso ha dato esempio! -
Chi la fa l'aspetti!


LA VOLPE e IL CORVO

Un giorno un corvo trovò sul davanzale di una finestra un bel pezzo di formaggio; lo prese col becco e volò sul ramo di un albero per mangiarselo in santa pace. Proprio in quel momento passò di là una volpe che, allettata dal buon profumo, alzò la testa e vide quel pezzo di formaggio prelibato.
- Buongiorno signor corvo! - esclamò la volpe astuta - Come sei bello! Che splendide piume nere hai!...se la tua voce fosse bella come le tue penne, tu saresti certamente il re degli uccelli! Il corvo vanitoso si sentì lusingato dalle parole della volpe e, non resistendo alla tentazione di far sentire la sua voce, aprì il becco. Il pezzo di formaggio gli cadde e la volpe prendendolo al volo se lo pappò con delizia.
Chi gode di essere lodato con parole ingannatrici prima o poi si pente.


Racconto inviato da: Davide