POESIE - LAZIO
N'antro pacco pe' Natale

Dialetto: Lazio

N'antro pacco pe' Natale
Come che l'apro ce so' canti e soni
stelle filanti e gente a rallegrasse
li fochi d'artificio, er vino a casse,
luci abbajianti e splennini festoni.

Ma como che smartisco l'illusioni
ce trovo l'esattore de le tasse,
li buffi, co' mi mojie a lamentasse,
li bolli e...'n mucchio de contravenzzioni.

E più ciafruji levo, più ne stanno,
li mammadroni, l'ansie, le paure:
é paro paro quello de l'artranno !

Infonno c'é 'n bijietto de Natale:
si nun saranno auguri passi pure,
abbasta che nun é n'antra cambiale.



Traduzione in italiano

Un altro pacco per Natale
Come lo apro ci sono canti e suoni,
stelle filanti e gente a rallegrarsi,
i fuochi d'artificio, il vino a casse,
luci abbaglianti e spendidi festoni.

Ma appena che passano le illusioni
ci trovo l'esattore delle tasse,
i debiti, con mia moglie che si lamenta,
i bolli e un mucchio di contravvenzioni.

E più impicci tolgo e più ne trovo
i nervosismi, l'ansie , le paure:
e proprio uguale al pacco dello scorso anno.

Infondo c'é un biglietto di Natale:
se non saranno auguri passi pure, ma basta che non sia un altra cambiale.

Racconto inviato da: Nolvio