POESIE - UMBRIA
Er monno gira
Per noi esseri umani, pieni di superbia e di prepotenza, è impossibile capire pienamente i misteri della natura, ci sembra di capire tutto, ma,siamo esseri piccoli, e non potremo mai arrivare a comprendere pienamente Dio e la creazione.
Dialetto: Umbria

Er monno gira
Noantre che stemo toquagghjù
non potémo arcapezzà er verso
de capì
che ci sta tolassù.
Ce potemo scjurvellà
quanto ce pare
ma non capìmo mae
chi tene la palla e la fà girà.
Ce frulla er cjurvéllo.
Volemo sapé tanto,
ce pare d'esse er Patreterno ,
volemo fa' ,volemo comannà
e non c'jaccorghjémo
che se ghjemo a strégne,
c'jartroamo
co' 'na manciata de terra 'nto le mane.
Che monnaccio!
E de chi te poli fidà?
Ci sta solo Uno ,che fa le cose ghjuste,
che non ghjé sfugge gnjente,
e sa mette a posto le faccènne
Ce conta ache li capilli der capo.
Per furtuna che ci stà Qujllo tolassù!
E sinnò ,che facjamo
co' stù monno che gira?



Traduzione in italiano

Il mondo gira
Noi che stiamo quaggiù
non troviamo il verso di capire cosa c'è sopra di noi.Ci possiamo anche scervellare ,ma non capiremo mai chi tiene in mano tutto il creato, la terra che gira.Ci sembra di capire tanto
di essere padreterni,siamo prepotenti
e non ci accorgiamo che alla fine se stringiamo il discorso ,siamo un pugno di terra.
Che brutto mondo ! Di chi ti puoi fidare?
C'è solo Uno che fa le cose giuste,mette a posto le cose,che sa tutto di noi e ci conta anche i capelli.
Fortuna per noi che esiste Dio lassù,
altrimenti che facevamo con questo mondo che gira?

Racconto inviato da: Cesira Bevagna