POESIE - CALABRIA
Nu plotoni d'esecuzioni
Sonetto inedito di Orazio Raffaele Di Landro, in cui il poeta critica la scuola e i metodi scolastici oggi usati. Nonostante lui stesso sia un insegnante, nei suoi versi si può leggere l'amarezza e il dispiacere suscitati in lui a causa di una scuola fin troppo "moderna" che non è quella che gli piace e che non premia chi merita.
Dialetto: Calabria

Nu plotoni d'esecuzioni
A scola tanti voti è nu plotoni
d'esecuzioni, pà cundanna a morti;
e 'on sunnu giusti mai l'esecuzioni:
Chidi chi mòrunu non ndannu torti,

sunnu poeti e scrittori assai boni
e quasi sempi coraggiusi e forti.
Ma a scola non nci duna mai occasioni,
anzi nci teni chjusi tutti i porti.

Tanti voti perciò n'antologia,
chi ndavarrìa mu scègghj i megghju hjuri,
nci duna spaziu sulu a fetunzìa,

comu òji certi quatri di pitturi.
A scola d'òji non mi piaci a mmìa;
ma sunnu i tempi ormai chi sunnu duri.



Traduzione in italiano

Un plotone d'esecuzione
La scuola tante volte è come un plotone
d'esecuzione, per la condanna a morte;
e non sono mai giuste le esecuzioni:
Quelli che muoiono non hanno nessuna colpa,

sono poeti e scrittori di gran valore
e quasi sempre coraggiosi e forti.
Ma la scuola non presenta loro mai nessuna occasione,
anzi chiude loro tutte le porte.

Tante volte perciò un'antologia,
che dovrebbe scegliere le cose migliori,
dà spazio solo a cose insignificanti,

come oggi fanno alcuni pittori nei loro quadri.
La scuola di oggi non mi piace;
ma sono i tempi ormai che sono duri.


Racconto inviato da: Orazio Raffaele Di Landro