POESIE - LOMBARDIA
Anema negra
Scritta in dialetto "orobico", questo componimento è un breve racconto di uno degli incubi che talvolta si possono "vivere" nei nostri sogni.
Dialetto: Lombardia

Anema negra
Chi set anema negra
omass dai bragùn da fustani,
che te vìvet ni mee sugn?
Te 'm la rànghet quaj volt
propi sul nass del dé:
te vuset e te sculpetissèt:
e poeu te dìset rabìì:
sò prope mé, so'l tò padrù.

Anema vègia de regòrt
de la me fàmea
pùess te sèt an reminsèl
de tanti ricordi che mé
ho manimàa desmentegàt.
Ma piancc minga omass négher!
Nu fa 'l ranga, resta a véf con mi.
Contèntet, e toeum inscì come sò.


Traduzione in italiano

anima nera
Chi sei anima nera
omaccione dai pantaloni di fustagno,
che vivi nei miei sogni?
mi fai dei rimbrotti certe volte,
proprio sul nascere del giorno:
gridi e scalpiti
e poi dici arrabbiato:
sono proprio io, sono il tuo padrone.

Anima vecchia di ricordi
della mia famiglia
forse sei un gomitolo
di "tanti ricordi" che io
ho quasi dimenticato.
Ma non piangere omaccione nero!
non eserre brontolone,
resta a vivere con me.
Accontentati, prendimi
così come sono.


Racconto inviato da: Gigi Zanga