POESIE - LOMBARDIA
Chi siif
Un ricordo dei miei trisnonni e delle trisnonne che hanno vissuto buona parte dell'Ottocento: vissero, ma naturalmente non ho mai conosciuto. quello che è certo è che io sono uno della loro progenie.
Dialetto: Lombardia

Chi siif
Legi pian pian i Vos nom
sul foeui de l'arbol genealogich
de la me famija.
I vos nom adèss i cognosse,
eppur mi no ve cognosse:
Mée car végiat,
Vu adès vivée an da l'Empiri,
na li tenebri da la luss eterna,
luntan da mi.
E mi chilò sota pòde sul domandam,
ma chi Sif oh besacùch?
Chi serof Vo Domenach,
che m'avè facc pregàa per cent agn,
e Vo Jacumin el mena-sass, sciacc come i crap de la nòsa val.
E poeu Vo Menighina, "ragazza del '99"
che avèe tant patit, sensa molà.
Me par de vedef anca Vo Gioaninna
rampegà, amò giùina, sul Murtaroeul.
Ma mi ve pensi tucc carne de la mia carne, sangh del mèe sangh.
Preghi per le Vosse aneme sante,
insci come so fà, a la mèe manéra.


Traduzione in italiano

chi siete
Leggo pian piano i Vostri nomi
sul foglio dell'albero geenalogico
della mia famiglia.
ora i vostri nomi li conosco.
eppure non vi conosco:
miei cari,
Voi ora vivete nell'Empireo.
nelle tenebre della luce eterna,
lontani da me.
E io quaggiù posso solo chiedermi,
ma chi siete oh trisnonni?
Chi eravate voi Domenico,
che ci avete fatto pregare per cento
anni
e Voi Giacomino il porta-sassi, duro
come le rocce della nostra valle.
E poi voi Menica, Ragazza del '99
che avete tanto sofferto, senza
mollare.
Mi pare di vedere anche voi Giovannina
salire, ancora giovane, verso il
Mortirolo.
ma io vi penso tutti carne della mia
carne,
sangue del mio sangue.
Prego per le Vostre anime sante,
così come so fare, a mio modo.

Racconto inviato da: Gigi Zanga