POESIE - BASILICATA
Lo circhio
Un gioco infantile in uso nella povera comunità rurale.
Dialetto: Basilicata

Lo circhio
Nne tiravamo l'anima.
ra criatùri,
ra dda cavoràra vecchia:
ddo circhio re fierro
ca re rìa sostanza.

'Ngiarmàvamo,
cco 'nno fierro felàto ruppìo,
'nno manùbrio,
ddo circhio pigliava vita
addeventava 'nna furia
ppe 'ncoppa ddi rùmmuli
re la via nova
re la chiazza
re le bbica.

Lo mittivi 'mmoto
cco 'nno colpo secco
re manùbrio, ben'azzeccato
e fuìvi re corsa 'mpront'a lu sole.
Te sintivi lo patrone re lo munno.


Traduzione in italiano

Il cerchio
Ne strappavamo l'anima,
da bambini,
da quella vecchia caldaia:
quel cerchio di ferro
che le dava sostanza.

Organizzavamo,
con un filo di ferro spesso,
un manubrio,
quel cerchio pigliava vita
diventava una furia
sopra i sassi
della via nuova
della piazza
dei vicoli.

Lo mettevi in movimento
con un colpo secco
di manubrio, ben assestato
e correvi incontro al sole.
Ti sentivi il padrone del mondo.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita