RACCONTI - LOMBARDIA
Ai vot-mila
E' una storia ipotetica di un maturo alpinista lombardo, accaduta qualche anno fa ai piedi della vetta del Cho Oyu, la sesta vetta del mondo. All'improvviso l'alpinista è in debito di ossigeno e gli viene una specie di strana sonnolenza. La sua impresa è sul punto di fallire.
Dialetto: Lombardia

Ai vot-mila
Tutt an d'on colp el vecc alpinista l'à sentìi come ona specie de mancament, el s'è mess a bacillà e l'à tacàa a sentì ona strana pisochèra.
A on bell moment el gh'è sembràa de scoltà ona voss un poo rabìda che la disia:"soo mi che parla...el to àngel custodi...ma sè té fè chi inscì sul Cho Oyu... chojun, torna giò subit".
Per on moment l'alpinista el s'è fermàa, tutt al ghe parèva bianch! poeu l'à seràa i oeucc. l'à pensàa e anmò i à dervii piussé che'l podiva e l à vosàa:
"No, no, mi voo su la scima".
L'è ripartìi ch'el bofava come'n mantes. Intant che'l andava su el pensava: questo l'è l mè dodicesim vot-mila però
farò minga trèdes.
E inscìi l'à fàa.


Traduzione in italiano

Agli ottomila
Ad un tratto il vecchio alpinista
ha avvertito come una sorta di mancamento, si è messo a barcollare e ha iniziato a sentire una strana sonnolenza.
A un bel momento gli è sembrato di ascoltare una voce stizzita che diceva:
"sono il tuo angelo custode...ma cosa fai quassù sul Cho Oyu...cogòlione, torna giù immediatamente".
Per un momento l'alpinista si è fermato, tutto gli sembrava bianco!
Poi ha chiuso gli occhi. Ha riflettuto e ancora li ha aperti più che poteva e ha urlato:
"No, no vado sulla cima".
E ripartito ansimando come un mantice.
Mentre saliva pensava: "questo è il mio dodicesimo ottomila, però non farò tredici.
E così ha fatto.

Racconto inviato da: Gigi Zanga