POESIE - BASILICATA
Quanno partisti
Negli anni '50 si partiva emigranti per le Americhe. Eraun dramma per le famiglie: per la moglie, per i figli, per la mamma che non si sarebbe più abbracciata. Cerco di raccontare quelle sensazioni provate o osservate.
Dialetto: Basilicata

Quanno partisti
Quanno partisti
Quanno partisti patre
ppe la Merica a la ventura
'nno respenzorio 'ncuoddo nne lassasti.
Nui criatùri
parìamo orfanieddi
spiersi inta la via.

La tofa re lo postale
tinìa e ancora tène
sapore re tofa re navi.

Inta la vigna
moglièreta s'accirìa re fatia
ppe spenne
ddo fuoco re giuventù
ca inta re ardìa.

I'a ppe la casa
màmmeta 'nzallanuta
e li iuorni e la vita
le conzumava senza antasia.

Quanno tornasti, patre,
come sponta n'ato fiore
'ncoppa lu milo
roppo 'nna gelata r'abbrili,
accussì spontarono tra re nui
le parole, li sguardi, le cunfirenze.
'Ncasa nosta, a lu Ciliento
avìa fatto meno ranni la uèrra.



Traduzione in italiano

Quando partisti
Quando partisti
Quando partisti, padre,
per l'America all'avventura
un vuoto dentro ci lasciasti.

La tromba del pullmann
aveva ed ancora tiene
sapore di sirena di nave.

Noi piccoli
sembravamo orfanelli
spersi nella via.

Nella vigna tua moglie
si dannava di fatica
per spendere quel fuoco di gioventù
che dentro bruciava.

Andava per la casa
tua madre senza senno
ed i giorni e la vita
li consumava senza fantasia.

Quando tornasti, padre,
dopo tanti anni,
come a stento spunta
sul melo un altro fiore
dopo una gelata di aprile,
cos' spuntarono tra di noi
le parole, gli sguardi, le confidenze.

In casa nostra nel Cilento
aveva fatto meno danni la guerra.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita