POESIE - CAMPANIA
Suonno re fuie
I sogni aiutano ad allargare gli orizzonti angusti di un piccolo paese di provincia. Spesso però i sogni sono ingannevoli e rincorrerli può significare anche andare a finire in un precipizio.
Dialetto: Campania

Suonno re fuie
'N'uocchio a la luna e n'ato a la pagliara.
Scenne la notte e bbeneno li suonni,
e che se sonna chera zoria stanca?
Re fuie 'nu iuorno roppo a la iumara.

S'era stancata re portà scarpuni,
s'era scocciata re mangià farnata.
Vulia re cose aruci tre buccuni,
vulia ra 'no uaglione esse vasata.

'Nu iuorno se pigliao lo core 'mmano
e citto abbandonao lo casarulo.
Quanno sentette 'no romore strano
lo core se facette 'no chiatrulo.

Avia 'ncappato int''a 'na tagliola.
Re passa'uai non se fernisce mai.
Accussì fernette 'u suonno r''a figliola.
Accussì fernesce chi se sonna assai.


Traduzione in italiano

Sogno di fuggire
Uno sguardo alla luna ed un altro al pagliaio.
Scende la notte ed arrivano i sogni,
e cosa sogna quella ragazza stanca?
Di fuggire un giorno al di là del fiume.

S'era stancata di portare scarponi.
S'era scocciata di mangiare polenta.
Voleva di cose dolci tre bocconi.
Voleva da un giovane essere baciata.

Un giorno si diede anino e coraggio,
e senza far rumore abbandonò la sua misera casa.
E quando sentì un rumore strano
il cuore diventò di ghiaccio.

Era incappata in una tagliola.
Di passare guai non si finisce mai.
Così andò a finire il sogno della ragazza.
Così finisce chi troppo sogna.



Racconto inviato da: Alfonso Apolito (Cilento)