POESIE - MARCHE
'IE' CCHI DA MAMETA
L'anziana madre desidera che il figlio,ormai adulto,trovi qualche momento per lei,facendole rivivere la gioia di quando lui era piccino.
Dialetto: Marche

'IE' CCHI DA MAMETA
Iè cchi da mameta,
fèrmete un bucco'!
me dighi sempre:
-Adessu nun ci hu tempu,
làsseme 'nda',
ci ho tantu da fa';
sta zzitta e bòna,
dopu 'jèngu ggio'.-

Nun te recòrdi
quann'eri picculéttu,
quannu de sera,
te purtàu a lettu?
I occhi me se chiudìa,
cascàu de sonnu,
ma te r'cuntàu
tuttu quellu che sapéu:

de Cappuccéttu,
del lupu ,de la nonna,
la scantafàula
del dragu,de lleo',
del maru grossu,
del ventu de la lonna,
finché de sonnu,
cascàmi tutti dò.

Nun te recòrdi,
'ttaccàtu a le suttàne,
piagnéi,tirài
pe 'ndà a giuga' de là:
lassàu tuttu
e c'éu tantu da fa'.
Adè' me dighi
"Nun ci hu tempu,o ma'."

Adè' nun 'egghi più
màmeta tua!
E 'iè' 'n 'po' cchi 'ecìnu,
lassa 'nda',
duènta pe' 'na 'olta
picculéttu,
bellu de mamma
e 'ièmme a cunsula'!.










Traduzione in italiano

VIENI QUI DALLA TUA MAMMA
Vieni qui dalla tua mamma,
fermati un poco!
Mi dici sempre:
-Adesso non ho tempo,
lasciami andare,
ho tanto da fare;
stai zitta e buona,
dopo verrò giù.-

Non ti ricordi
quando eri piccolo,
quando a sera,
ti portavo a letto?
Gli occhi mi si chiudevano,
cadevo dal sonno,
ma ti raccontavo
tutto quello che sapevo:

di Cappuccetto,
del lupo,della nonna,
la favola
del drago, del leone,
del mare in tempesta,
del vento,dei cavalloni
finché di sonno
cadevamo tutti e due.

Non ti ricordi,
attaccato alla mia gonna,
piangevi,tiravi
per andare a giocare di là:
lasciavo tutto
e avevo tanto da fare !
Adesso mi dici :
-Non ho tempo,mamma!

Adesso non vedi più
mamma tua!
E vieni un po' qui vicino,
lascia andare (tutto),
diventa per una volta
piccino
bello di mamma,
e vieni a consolarmi!






Racconto inviato da: Novella di Porto Recanati