POESIE - CAMPANIA
Mprestame ‘o core
Lasciarsi coccolare dalla persona amata, affidarle il proprio cuore, i propri sentimenti è naturale in un rapporto a due, ma è dolce sapere che gli astri del firmamento sono lì, vigili testimoni di questa tenerezza.
Dialetto: Campania

Mprestame ‘o core
Sturduto e cu ‘a mente affuscata
m’appoggio a nu spuntone luntano
d’ammuìna ‘e sta città,
quanno all’intrasatta nu felillo ‘e voce,
liento, comm’a nu suspiro ’e viento:
“Mprestame ‘o core -me vesbiglia-
pe nu mumento sulo, nun farte preà”.
Maramé! Me guardo attuorno
ma ‘a voce, sempe cchiù ammaliante:
“Nun avé paura, mprestame ‘o core,
voglio sulamente veré si batte
tale e quale ô mio,
si ‘a mesura è chella justa pe tenerlo
strinto strinto miezo a mano
e cunnuliarlo comme a nu ninno
mbrazz’ â mamma”.
Me paro ‘na lampa senza uoglio,
sbacantuto, senza vita
eppure tutto ntenneruto e cu ‘a voce
tremmulianne lle responno:
“ Uì cca, pigliatéllo, è tutto pe tte
ma, pe ppiacere, nun ‘o fa suffrì
accarezzalo comm‘’o sole accarezz’‘o mare
fallo cantà all’onna di’ suonne
tale e quale a n’aucelluzzo
ncopp‘ê fronne
jìnchelo ’e vase e falle vulà”.
….
‘E stelle zennéjano ‘ncielo
e ‘a luna r‘argiento se mette a sunà.



Traduzione in italiano

Prestami il cuore
Stordito e con la mente annebbiata
mi appoggio ad una sporgenza lontano
dal clamore della città,
quando all’improvviso, una vocina sottile
come il respiro delle fronde:
”Prestami il cuore, delicatamente mi sussurra,
per un momento solo,non farti pregare”.
Oddio! Mi guardo intorno
ma la voce, sempre più ammaliante:
“Non aver paura, prestami il cuore,
voglio solo controllare se palpita d’amore
come il mio,
se la misura è quella giusta per stringerlo
forte tra le mie mani
e cullarlo come la mamma culla
il suo bambino".
Sembro una lampada senza olio,
svuotato e senza vita,
eppure intenerito e con la voce
tremolante le rispondo:
“ Eccolo, prendilo è tutto tuo
ma, per favore, non farlo soffrire
accarezzalo come il sole accarezza il mare
fallo cantare sull’onda dei sogni
al par di un uccellino
sulle fronde degli alberi
cospargilo di baci e fallo volare”.

Le stelle strizzano gli occhi
e la luna d’argento comincia a suonare.


Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio