POESIE - BASILICATA
Santo Martino
E' un'invocazione "Santo Martino", che ci si scambiava nelle comunità rurali per bene augurare. Locuzione bella, significativa. Peccato che sia del tutto scomparsa. Con questa poesia ne faccio rivivere il senso.
Dialetto: Basilicata

Santo Martino
Santo Martino.
Nascìa 'nno criatùro
Santo Martino!

S'accirìa lo puorco
Santo Martino!

A li ziti belli com'a lo sole
Santo Martino!

A 'nna laurea ra dottore
Santo Martino!

S'anghìa la vott'a lo vottàro
Santo Martino!

S'anghìano r'àcena le spiche
Santo Martino!

A 'nna fèmmena incinta
Santo Martino!

Iettàvi le peramenta re 'nna casa
Santo Martino!

Ogni bbota, ogni fatto, ogni ricorrenza,
addòve ng'era 'nna cosa c'avìa cresce
avonnanziòsa, bella, spesolàta,
a lo paese se ricìa: Santo Martino!

Sicuramente a ricordo re lo mantiello
ca santo Martino spartìa
ppe cuprì li puverièddi.


Traduzione in italiano

Santo Martino
Santo Martino
Nasceva un bambino
Santo Martino!

S'uccideva il maiale
Santo Martino!

Agli innamorati belli come il sole
Santo Martino!

Ad una laurea da dottore
Santo Martino!

Si riempiva la botte al bottaio
Santo Martino!

Si riempivano di acini le spighe
Santo Martino!

Ad una femmina incinta
Santo Martino!

Gettavi le fondamenta per una casa
Santo Martino!

Ogni volta, ogni fatto, ogni ricorrenza,
dove c'era una cosa che doveva crescere
abbondante, bella, florida,
al paese si diceva: Santo Martino!

Sicuramente a ricordo del mantello
che santo Martino spartiva
per coprire i più poveri.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita