POESIE - CAMPANIA
‘A benerezione di’ ccase
In un quadro che sa di primavera si inserisce la Pasqua di Resurrezione e la relativa benedizione delle case. Ma la solennità di questo rito ha perso oggi il suo fascino, considerata la velocità con cui esso si compie.
Dialetto: Campania

‘A benerezione di’ ccase
Pe nu mumento, arap’‘a fenesta ‘ncopp’ô passato
e m’appare chiaro ‘nu quatre ca sap’‘e primmavera.
‘Nu prufume d’anepeta nuvella aleggi’attuorno
e, liegge liegge, se spanne pe ll’aria.
È Pasca, è festa grande e se benericeno ‘e ccase.

Ogne pertuse è lustro, ogne angule è sbrennènte,
ogni ccosa addor’‘e pulizzia.
Se mette ‘u lenzule arricamato, ‘a manta
cchiù bbella do’ curredo,
se strécano ‘e rrame pi ffa lucente
e, finalmente, tutto è pronto pe l’avvenimento.

‘O vì lloco ‘o vì!
‘U campaniello scampaneja forte forte
‘ncopp’â Turretta quanno spunta ‘o prevete
e llà pe llà ’o vico s’ànema, s’àggeta, spàrpeta
mentre ‘o ncienzo, suave, se ‘nfila dint’ê ccase.

Nun c’è cche fa, ‘u rito è sulenne assaje:
l’acqua arriva a tutte i pparte
lascianno n’alone ‘e freschezza e santità.
E’ Pasca, è festa grande e se benericeno ‘e ccase.

Chiuco ‘a fenesta e torno ‘o ppresente.
Ma che veco?
‘O stesso rito passa quase inosservato: duje minute
annanz’’a porta, n’Avemmaria allestra allestra,
‘nu gloriapate e arrivederce ‘e sunatore.
È Pasca, se benericeno ‘e ccase, ma nun è cchiù festa grande!

Quartu S.Elena, settembre 2003


Traduzione in italiano

La La benedizione delle case
Per un attimo spalanco la finestra sul mio passato
e mi appare chiaro un quadro che sa di primavera.
Un profumo di menta novella si spande intorno
e, leggero leggero, riempie l’aria.
È Pasqua, è festa grande e si benedicono le case.
Ogni buco è pulito, ogni angolo è splendente,
ogni cosa odora di pulizia.
Si mette il lenzuolo ricamato, la coperta
più bella del corredo,
si lucidano le stoviglie in rame
e, finalmente, tutto è pronto per l’avvenimento.

Eccolo, eccolo!
Il campanello suona forte
sulla Torretta quando spunta il prete
e subito il vicolo si anima, si agita, palpita
mentre l’incenso, soave, si intrufola nelle case.

È proprio vero, il rito è assai solenne:
l’acqua arriva dappertutto
lasciando un alone di freschezza e santità.
E’ Pasqua, è festa grande e si benedicono le case.

Chiudo la finestra e torno al presente.
Ma che vedo?
Lo stesso rito passa quasi inosservato: due minuti
davanti alla porta, un’Ave Maria veloce veloce,
un Gloria al Padre e arrivederci ai suonatori.
È Pasqua, si benedicono le case, ma non è più festa grande!




Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio