POESIE - CALABRIA
U Ciucciareddru
Molto spesso vogliamo imitare gli altri senza averne lo spessore.
Dialetto: Calabria

U Ciucciareddru
Nu ciucciareddro na matina quannu s’é rivigneto
prima é guardeto u cielo e pò chepo suja e pinzeto:

“Guarda l’avuceddri cumi vulino cuntenti,
senza sarma coddru e vittichete

vulanno e candanno s’abbuschino a jurneta.
cusì puro je egghia fé, m’egghia mbaré a vulé”.

E i supa nu timpuno na matina
abbascio s’é jitteto u scugnureto

e quanno jé arriveto nderra cu na zotta
l’ossi s’é rutti e apanza s’é schatteta.

Si vuliti capì capisciti a capisciola
ca u ciuccio era purté a sarma mentre l’avuceddru vola.





Traduzione in italiano

L'asinello
Un asinello una mattina quando si è risvegliato
prima ha guardato il cielo e poi nella sua testa ha pensato:

"Guarda gli uccelli come volano contenti,
senza soma addosso e bastonate

volando e cantando guadagnano la giornata.
Così pure io debbo fare, debbo imparare a volare".

E da sopra una timpa una mattina
giù si è buttato lo sciocco

e quando è arrivato a terra con un botto ,
le ossa si è rotte , e la pancia si è schiattata.

Se volete capire capite il detto
che il ciuccio deve portare la soma
mentre l'uccello vola.






Racconto inviato da: De Rosa Antonio