POESIE - PUGLIA
Cantu t'amore

Dialetto: Puglia

Cantu t'amore
No mm’ha ccircare mai
ci quistu sentimentu
pi ssempre po’ tturare
no mm’ha ccircare mai…

Pi mme l’amore gghè
nnu sorrisu, nna carezza,
cocce ti ebbrezza
rubbate all’eternità.

Lassàmu quistu suennu
cu ndi culla dolcemente,
nui simu tuttu e nnienti,
ti paru bene e mmale,
noia e ddesideriu ,
lu critu e lu sussurru,
simu nnu pàrpitu ti azzurru
macchiatu nnu picchi ti gnoru.

No mm’ha ccircare mai
ci la fantasia mia
cu tu sempre si ‘mpiccia, (1)
no mm’ha ccircare mai…

Pi mmè l’amore gghè
nna scheggia t’infinitu
ttaccata a ddhu momentu
ca felice sta tti sentu.

Lu crigiu ti l’autunnu,
lu friddu ti lu iernu,
lu cautu ti l’estate
è quistu amore nuesciu;
primavera è la memoria
ti nnu passatu ca è futuru
e ca lu core sente
comu nnu magicu presente.

-----------
Il corrispondente italiano parzialmente formale è appicciare (che in toscano significa attaccare insieme e nelle regioni centromeridionali accendere o afferrare), di etimologia incerta, forse dal latino *adpiceàre, composto da ad=verso e pìceus=di pece, da pix=pece, dal greco pissa=pece. Etimologia: da appicciare, con sostituzione di ad- (primo probabile componente) con in-, normale passaggio -n->-m- e aferesi di i-.


Traduzione in italiano

Canto d'amore
Non domandarmi mai
se il nostro sentimento
per sempre durerà,
non domandarmi mai…

Per me l’amore è
un sorriso, una carezza,
gocce di ebbrezza
rubate all’eternità.

Lasciam che questo sogno
ci culli dolcemente,
noi siamo tutto e niente,
il bene e il male insieme,
la noia e il desiderio,
il grido ed il sussurro,
siamo un palpito d’azzurro
macchiato un po’ di nero.

Non domandarmi mai
se la mia fantasia
tu sempre accenderai,
non domandarmi mai…

Per me l’amore è
una scheggia d’infinito
catturata da un momento
della tua felicità.

Il grigio dell’autunno,
il freddo dell’inverno,
l’estate e il suo calore
è questo nostro amore;
primavera è la memoria
di un passato che è futuro
e che il cuore sente
come un magico presente.

-----------
Tutto questo nonostante appicciare e ‘mpicciare suggeriscano un ingannevole richiamo ad appiccare che, probabilmente, è da ad+picca, dal francese pique, a sua volta da piquer=pungere, dal latino pùngere: a spegnere ogni suggestione in tal senso i due fonemi -ia- contro -a- e, nella voce neritina, la sostituzione della preposizione (in, indicante ingresso, potrebbe andare d’accordo con pece ma non con picca).



Racconto inviato da: Armando Polito