POESIE - BASILICATA
Patre ianco
Sono tre anni che è morto Papa Woytila. Subito dopo la sua scorparsa ho voluto ricordarlo così. Spero trovi il consenso di tanti lettori.
Dialetto: Basilicata

Patre ianco

Patre ianco,
'nna croce t'annunziào,
t'affaorèmmo inta lo scuro
'ncoppa ddo barcone,
com'a 'nno sole
c'assìa chiano chiano ra la notte.
Ricisti: vengo ra lontano
e nno nne ricisti vào lontano
pp'abbrazzà l'urtimi,
li scordati ra lo munno.
Ricisti puri: si sbaglio mi corrigerete.
Nisciuno t'avèttera corregge mai nienti.
Fusti 'nno iumo ca straripa,
a ogni pizzo re munno
portasti 'nna parola, 'nna carezza.

Quanno vasavi 'nterra
scennènno ra dde scale
vasavi tutto re dda terra,
lo bene e lo male,
sempe speranno ca puri lo male,
abbrazzànnolo, put'a addeventà bene.
Sempe libbero, sempe forte,
sempe ferèle a Cristo 'nCroce.
E la portasti fino 'nfunno dda croce.
Sapisti parlà a tutti puri senza voce.
Parlavi a lo core re tutti
cco dde spine
ca te lo perciàvano lo core.

T'amo chianto, patre ianco, nne manchi,
com'a la notte lo sole,
com'a lo iuorno le stelle.
nN'ài lassato lo viento
'ncopp'a ddo libbro, ca ra mò
nonn'è cchiù lo viento
ma la parola toa, lo canto tuo,
lo surriso tuo, la carezza toa
'mpront'a 'nno ninno nìoro.
Ppe 'nno quarto re secolo
nge sì stato patre.
Eramo tranquilli ca nge ièri tù,
roce cco li poverieddi feroce
cco li putienti ca fàno la uèrra.

Risti vita a la gente tòa,
ca se nne pote vantà ppe mill'anni
re 'nno figlio accussì bello.
Risti forza e dignità a chi soffre
e re facisti sente la speranza
ca la morte, pò, è la vita,
la vita inta le brazza
re dda mamma tòa: Maria.


Traduzione in italiano

Bianco Padre

Bianco Padre,
una croce ti annunziò.
Ti scorgemmo nello scuro
sopra quel balcone,
come un sole che usciva
lentamente dalla notte.
Dicesti: vengo da lontano
e non ci dicesti vado lontano
ad abbracciare gli ultimi,
i dimenticati dal mondo.
Dicesti anche: se sbaglio mi corrigerete. Nessuno dovette
correggerti mai niente.
Fosti come un fiume in piena,
ad ogni angolo del mondo
portasti una parola, una carezza.

Quando baciavi la terra
nello scendere dalle scale
baciavi tutto di quella terra,
il bene ed il male,
sempre sperando che anche il male,
abbracciandolo,
potesse diventare bene.
Sempre libero, sempre forte,
sempre fedele a Cristo in Croce.
E la portasti fino in fondo
quella Croce. Sapesti parlare
a tutti anche senza voce.
Parlavi al cuore di tutti
con quelle spine che
te lo trapassavano il cuore.

Ti abbiamo pianto, Bianco Padre,
ci manchi, come alla notte il sole,
come al giorno le stelle.
Ci hai lasciato il vento
su quel libro che d'ora in poi
non è più il vento ma la parola tua
il canto tuo, il tuo sorriso,
la carezza tua sulla fronte
di un bimbo nero.
Per un quarto di secolo ci sei stato Padre. Eravamo tranquilli che c'eri tu,
dolce con i più poveri, feroce
con i potenti che fanno la guerra.

Desti vita alla tua gente
che se ne potrà vantare
per mille anni di un figlio così bello.
Desti forza e dignità a chi soffre
e gli facesti sentire la speranza
che la morte è, poi, la vita.
La vita tra le braccia
della madre tua: Maria.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita