RACCONTI - EMILIA ROMAGNA
I baiuchìn
CON L'AVVENTO DELL'EURO UN PENSIONATO SI TROVA IN DIFFICOLTA'CON LE NUOVE MONETINE
Dialetto: Emilia Romagna

I baiuchìn
Quant ch'i'è scap fura, a m s'éra tolt un scaslòin e a i tnoiva tot a lè.
- Un euro e ventisette centesimi.
- S-cia!
- Come dice signore?
- No, niente, abbia un attimo di pazienza.
A vérz e' mi scaslòin, mò a faz fadoiga, parchè sna maena u m tòca tnòil, sa ch'l'aelta a i toi sò, mò duv'è ch'a i pòz? A mi tnirò t e' pogn, saul che i vén zò tot muced, u m taca squansai e sparguié per capae chi giost.
Un euro tot tacaed, a n gne voi dae ma ch'l'intipatìch!
Alaura: do da cinquaenta, éun da dis, do da zoinch e eun da dò.
Ch'a m'un sia sbajae va là, a j'arcaunt:do da cinquaenta, éun da dis, do da zoinch e eun da dò... mò nò, a i n'un dagh do da éun.
- Ecco a lei, controlli per favore.
- Non serve signore, vedo che li ha già contati due volte, mi fido.
E fasénd finta ad gnent, u i caunta d'arnov. Brot faels e busaedri, st'aelta volta a i dagh sbajéd!
Però l'a n po andae avaenti acsè, bsògna ch'a m'urganéza!
S e' marcae a m so compri éun ad chi giubétt pin ad bascòzi.
Ma caesa ò fat la distribuziaun: tot i baiuchin ad raem t e' bascuzòin saura e' cor, chi zal t e' bascuzòin ad là, j'euro da éun tla bascòza sòta a manzòina, quéi da dò tla destra.
Adèss l'è un piasoir andae a fae spoisa, a j'ò tut dò al maeni lébri, a m tòch ad qua, ad là, ad zfiaench, sòta, saura... e paer ch'a j'apa i bdocc, mò l'è un sbréss armidié i suld giost!
L'è l'instaeda ch'l'a m froiga: sa che caeld dal volti a vagh via s e' panciòt e i suld jarvaenza ma caesa t e' giubètt.
L'è quèl ch'a sò sémpra pin 'debti!


Traduzione in italiano

I soldini
Quando sono usciti fuori, mi ero comprato un borsellino e li tenevo tutti lì.
- Un euro e ventisette centesimi.
- S-cia!
- Come dice signore?
- No, niente, abbia un attimo di pazienza.
Apro il mio borsellino, ma faccio fatica, perchè con una mano mi tocca tenerlo, con quell'altra li prendo su, ma dove li appoggio?
Me li terrò nel pugno, solo che vengfon giù tutti ammucchiati, mi tocca scansarli, allargarli per cercare quello giusto.
Un euro tutto attaccato, non glielo voglio dare a quell'antipatico!
Allora: due da cinquanta, uno da dieci, due da cinque e uno da due.
Che non mi sia sbagliato va là, li riconto: due da cinquanta, uno da dieci, due da cinque e uno da due...ma no...gliene dò due da uno.
- Ecco controlli per favore.
- Non serve signore, vedo che li ha già contati due volte, mi fido.
E, facendo finta di niente, li riconta di nuovo. Brutto falso e bugiardo, quest'altra volta glieli dò sbagliati!
Però non può andare avanti così, bisogna che mi organizzi!
Al mercato mi sono comprato uno di quei giubbetti pieni di tasche.
A casa ho fatto la distribuzione: tutti i soldini di rame nel taschino sopra il cuore, quelli gialli nel taschino di là, gli euro da uno nella tasca sotto a sinistra, quelli da due nella destra.
Adesso è un piacere andare a fare spesa, ho tuute e due le mani libere, mi tocco di qua, di là, di fianco, sotto, sopra... pare che abbia i pidocchi, ma è un baleno rimediare quelli giusti!
E' l'estate che mi frega: con quel caldo, delle volte vado via in canottiera e i soldi restano a casa nel giubbetto.
E' per quello che son sempre pieno di debiti!


Racconto inviato da: Rino Salvi