POESIE - PUGLIA
Non di ‘ccurgimu ca sta mmurimu

Dialetto: Puglia

Non di ‘ccurgimu ca sta mmurimu

'Ndi l’eramu scurnare veramente
ti quiddhu ca alla Terra sta facimu;
ceddhi li criti sua ti nui sente:
iò mi ndi fottu, pare ca ticimu.

Ormai so’ mbilinati acqua e ientu,
e quiddhu picchi ti erde ca è rrimastu
more sott’a nna massa ti cementu,
ti chiumbu e ti tiossina, bell’impastu!.

Proule suttile e crossa 'nfesta l’aria,
lu bucu ti l’ozzonu sta si llarga,
lu polu pi llu cautu sta si squagghia,
ma la mente ti l’omu sta ssi sbaria,

e, pi ffare completa la paccia,
sta llassa alli fili lu desertu,
tristezza, fame e ppuru malatia
e nno ssi rende contu ca ggh’è muertu.



Traduzione in italiano

Non ci accorgiamo che stiamo morendo
Ci dovremmo vergognare veramente
di quello che stiamo facendo alla Terra;
nessuno di noi sente le sue grida:
io me ne fotto, sembra che diciamo.

Ormai sono avvelenati acqua evento
e quel poco di verde che è rimasto
muore sotto ad una massa di cemento,
di piombo e di diossina, bell’impasto!.

Polvere sottile e spessa infesta l’aria,
il buco dell’ozono si sta allargando.
Il polo per il caldo si sta sciogliendo
ma la mente dell’uomo si distrae

e, per fare completa la pazzia,
sta lasciando ai figli il deserto,
tristezza, fame e pure malattia
e non si rende conto che è morto.


Racconto inviato da: Armando Polito