RACCONTI - EMILIA ROMAGNA
L'or dla Marèciia
La calura estiva ed il lavoro spossante degli spaccapietre si spengono col calar del sole, nella valle del fiume Marecchia, ai rumori e alle voci si sostituisce il silenzio della sera imminente,dal fiume ricompare l'antico fantasma.
Dialetto: Emilia Romagna

L'or dla Marèciia
E'saul dla Marècia u t'imbarbajéva j'occ t e' spiazael di spacasàss. T sintivi snò al bòti di martéll ch'li s déva vàusa e li s'atachéva, òna dri ma ch'l'aelta, t na cantiléna ch'l'a n smitòiva mai. Snò vérs sòira li dvantéva piò raedi intaent che i piò stràch i smitòiva, i racujoiva ch'al dò robi ch'i s’éra port drì la matoina e, sa dal biciclèti pini 'd pòrbia e toti sgangaraedi, j'arturnéva ma caesa tla su misèria. I piò zómni i smartlaeva un aent pó, guasi per ràbia, pu, pianìn pianìn, tot che sfunézz u s smurtéva s e' saul ch'l'andéva zò spèssa Schurghéda.
At ch'l'aria ròssa, t e' silénzi d e' spiazael, tra a gl'òmbri lònghi dal moci d e' pitrésch, e passéva la fóila stràca di méul chi s tréva dri, sla testa basa, la bròza svoita s e' carataer disdòi, sal gambi spandléun e al sparzòini lénti tal maeni. Quant che l'eutmi l'éra sparói tla curva ad Salvadàur, 'na nibiulìna fòina, guàsi trasparénta, la s'alzaeva da e' raz, ferma a mez’aria, la s'invrucéva lénta t i su zóir, fin'a dvantae l'ombra d'na bròza arbaelta, s'al rodi pr'aria e u s santóiva cmè un rispoir, cmè 'na vausa ch'l'a sbarbutléva dal paroli strafuciaedi, s'un'aensia, s'un turmént da faet annói la caerna plòina.
- L'è e' vent dla soira - e giòiva e' mi ba - che e vén sò da maròina ruzléndsi tra i sass e é fa dagl’ombri straeni s e' sabiàun d e' fiéun.
- L'è l'òmbra d e' carataer - e giòiva la mi nona - sparôid t e' mez dla fiuména insén s e' méul e sla su bròza, pina ad ór.



Traduzione in italiano

L'oro del Marecchia
Il sole del Marecchia ti accecava gli occhi nel piazzale degli spaccasassi. Sentivi solo i colpi dei martelli che si davano voce e si attaccavano, uno dietro l'altro, in una cantilena che non finiva mai. Solo verso sera diventavano più radi intanto che i più stanchi smettevano, raccoglievano quelle due cose portate dietro dalla mattina e, con delle biciclette piene di polvere e tutte sgangherate, ritornavano a casa nella loro miseria. I più giovani martellavano un altro po', quasi per rabbia, poi, pianino pianino, tutto quello scompiglio si spegneva col sole che andava giù dietro Scorticata. In quell'aria rossa, nel silenzio del piazzale, tra le ombre lunghe dei mucchi di pietrisco, passava la fila stanca dei muli che si tiravano dietro, con la testa bassa, il carro vuoto col carrettiere seduto, le gambe penzoloni e le redini lente nelle mani. Quando l'ultimo era sparito nella curva di Salvadaur, una nebbiolina fina, quasi trasparente, si alzava dal greto del fiume, ferma a mezz’aria, si avviluppava lenta nelle sue spire, fino a diventare l'ombra di un carro ribaltato, con le ruote per aria e si sentiva come un respiro, come una voce che borbottava parole incomprensibili, con un’ansia, con un tormento da farti venire la pelle d’oca.
- È il vento della sera - diceva mio babbo - che viene su dal mare ruzzolandosi tra i sassi e fa delle ombre strane con la sabbia del fiume.
- È il fantasma del carrettiere - diceva mia nonna - sparito nel mezzo della fiumana insieme al mulo e al suo carro, pieno d’oro.


Racconto inviato da: Rino Salvi