POESIE - BASILICATA
Li figli
I figli. Chi sono i figli. Cosa sono i figli. Come sono i figli. Cosa finiscono per dirci i figli. E' un miracolo un figlio, ed è nuovo di zecca. Un mondo.
Dialetto: Basilicata

Li figli
Li figli, come dDio te le mànna
te le pigli, se ricìa!
Come so' strani, li figli!
Come so' nuovi, li figli!
Rui mazzi re carti,
scritte ra megliàra r'anni,
se mmescano arrèto, inta 'nna nottata,
e pot'assì 'nno mazzo nuovo: 'nno figlio!
Pare 'nno strumento:
che èsse clarinetto,
chi trombone, chi tammùrro
e chi organetto!
E nun nge può sonà
la musica ca vuò tu!
Caccia 'nna musica nova,
'nna musica ca è sulo la sòa!
Perciò so' belli, li figli, e nuovi.
Te pòno fa sentì musiche nove,
eppuri, come si già le cunuscìssi!


Traduzione in italiano

I figli
I figli, come Dio te li manda
te li prendi, si diceva!
Come sono strani, i figli!
Come sono nuovi, i figli!
Due mazzi di carte,
scritte da migliaia d'anni,
si rimescolano in una nottata
e può sortire un mazzo nuovo: un figlio!
Sembra uno strumento musicale:
chi esce clarinetto,
chi trombone, chi tamburo
e chi organetto!
Caccia una musica nuova,
una musica che è soltanto la sua!
Perciò sono belli, i figli, e nuovi.
Possono farti ascoltare musiche nuove,
eppure, come ti fossero già note!

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita