POESIE - BASILICATA
Le rondinelle
Cosa hanno rappresentato le rondini nei centri storici dei piccoli paesi con le loro strida con i loro ghirigori in cielo.
Dialetto: Basilicata

Le rondinelle
A marzo
te scetàvi 'nna matina
e lo cielo blu
era chiino re strira fuiènti.
Era l'allegria re le rondinelle
disegnata 'ncielo inta nuvole ianche,
come montagne re vammàci, inta lo blu.

Scrivìano 'ncielo
cunti re vita scurruta
e cunti re vita r'aamentà.

Po', 'nna bella matina re settembre,
senza cchiù ammuìna
se mittìano 'nfilèra
'ncoppa le fila re la luci
e quanno lo sole calava
tutte 'nsieme s'abbiàvano
ppe n'ato munno, cavòro.

Le rondinelle, ogni anno,
puntuali com'a 'nnammorate,
te portavano la primavera, alluccànno,
quanno partìano
te portavano lo vierno, citte.


Traduzione in italiano

Le rondini
A marzo
ti svegliavi una mattina ed
il cielo blu era colmo di strida volanti.
Era l'allegria delle rondini
disegnata in cielo tra nuvole bianche,
come montagne di bambagia, nel blu.

Scrivevano in cielo con furia
racconti di vita vissuta
e racconti di vita da inventare.

Poi, una bella mattina di settembre,
senza più confusione
si mettevano in fila
sui fili dell'elettricità
e quando il sole calava
tutte insieme si avviavano
per un altro mondo, caldo.

Le rondini, ogni anno,
puntuali come innammorate,
quando arrivavano
ti portavano la primavera, stridendo,
quando partivano
annunziavano l'inverno, silenziose.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita