POESIE - PUGLIA
Sempre zzitu
Un’apologia del celibato attraverso la tecnica antica del centone: tutti i versi, ad eccezione degli ultimi due del ritornello, sono, in realtà, vecchi proverbi salentini.
Dialetto: Puglia

Sempre zzitu
La vita, si sape, è ffatta a ttiraturu:
osce la pigghi an culu e ccrai puru.
Megghiu sulu cca mmale ccumpagnatu,
zzitu ogghiu rrestu sempre, e mmai ‘nsuratu.

Comu ti fece mammata ti ogghiu,
senza camisa e senza sciupparieddhu.
Beddha, ci ti mmariti, l’uecchiu spandi,
ca no gghè quatareddha cu lla cangi.
Cercame siccome ci camina llecca
e ci si chiute intr’a ccasa secca.

La vita, si sape, è ffatta a ttiraturu:
osce la pigghi an culu e ccrai puru.
Megghiu sulu cca mmale ccumpagnatu,
zzitu ogghiu rrestu sempre, e mmai ‘nsuratu.

La femmina ssimegghia alla castagna:
ti fore è bbona, stae intra la mafagna.
Iò sacciu ca lu zzitu quando si ‘nsora
an cielo tuttu quantu sin di ola,
ma poi, purieddhu mia, an capu allu mese
istema la zzita e cinca li la tese.

La vita, si sape, è ffatta a ttiraturu:
osce la pigghi an culu e ccrai puru.
Megghiu sulu cca mmale ccumpagnatu,
zzitu ogghiu rrestu sempre, e mmai ‘nsuratu.

No ffondi a strate, no ccase a mmuru,
no mugghiere beddha ca no ssì patrunu;
quando ti ‘nsueri ha qquardare la razza,
ci no cacci li corne comu la cozza.
Cummare mia, ci vuei tt’invitu,
tu minti la carne, iò mentu lu spitu.

La vita, si sape, è ffatta a ttiraturu:
osce la pigghi an culu e ccrai puru.
Megghiu sulu cca mmale ccumpagnatu,
zzitu ogghiu rrestu sempre, e mmai ‘nsuratu.

Lu masculu carrescia culla pala,
la femmmina strusce poi culla cucchiara.
Ricordate ti quistu a ogni ora:
ci si ‘nsora si ‘mpastora e si ‘ncaggiola.
Perciò quando addhu, amicu, tu no hai
ti conviene sulu cu mmammata cu stai.

La vita, si sape, è ffatta a ttiraturu:
osce la pigghi an culu e ccrai puru.
Megghiu sulu cca mmale ccumpagnatu,
zzitu ogghiu rrestu sempre, e mmai ‘nsuratu…



Traduzione in italiano

Sempre scapolo
La vita, si sa, è fatta a mò di tiretto:
oggi è una presa per il culo e domani pure.
Meglio solo che male accompagnato:
scapolo voglio restare sempre, e mai sposato.

Come ti fece tua madre ti voglio:
senza camicia e senza giubbetto.
Bella, se ti sposi, fai attenzione,
perché (il matrimonio) non è come una padella da cambiare.
Cercami perché che chi cammina trova
e chi si chiude in casa avvizzisce.

La vita, si sa, è fatta a mò di tiretto:
oggi è una presa per il culo e domani pure.
Meglio solo che male accompagnato:
scapolo voglio restare sempre, e mai sposato.

La femmina somiglia alla castagna:
all’esterno sembra buona, sta dentro la magagna.
Io so che lo scapolo quando si sposa
se ne vola tutto in cielo,
ma poi, poveretto, in capo al mese
bestemmia la sposa e chi gliela diede.

La vita, si sa, è fatta a mò di tiretto:
oggi è una presa per il culo e domani pure.
Meglio solo che male accompagnato:
scapolo voglio restare sempre, e mai sposato.

Non terreni vicini ad una strada, né casa con muri in comune,
non moglie bella, perché non ne sei padrone;
quando ti sposi devi guardare la razza,
altrimenti cacci le corna come la lumaca.
Comare mia, se vuoi che ti inviti,
tu metti la carne e io metto lo spiedo.

La vita, si sa, è fatta a mò di tiretto:
oggi è una presa per il culo e domani pure.
Meglio solo che male accompagnato:
scapolo voglio restare sempre, e mai sposato.

Il maschio porta a casa il necessario con abbondanza,
la donna lo consuma poi a poco a poco.
Ricordati di questo ad ogni ora:
chi si sposa si impastoia e si ingabbia.
Perciò quando altro, amico tu non hai
ti conviene startene solo con tua madre.

La vita, si sa, è fatta a mò di tiretto:
oggi è una presa per il culo e domani pure.
Meglio solo che male accompagnato:
scapolo voglio restare sempre, e mai sposato…


Racconto inviato da: Armando Polito