POESIE - BASILICATA
La pica
La vanità è anche prerogativa degli uccelli. Ho immaginato che la ghiandaia rubasse agli elementi naturali i colori della sua splendida livrea.
Dialetto: Basilicata

La pica
La pica
l'aucieddo cchiù bello a lo Ciliento
'nna matina
no tenìa che se mètte.
Se ioccào
inta 'n'uort'appena zappato
e s'arrobbào li marrò.
Se mmirào, non se piacette
era tropp'ammeserùta.
Se ioccào inta lo mari
e s'arrobbào li blu.
Se mmirào,
erano poco sulo rui culuri.
Se tuffào inta 'nna macchia
e s'arrobbào fili re verde.
Se tuffào inta la notte
e s'arrobbào ponte re nìoro.
Se tuffào
'ncoppa 'nno sepàle re margarite
e s'arrobbào scaglie re giallo.
Se tuffào inta 'nna nuvola
e s'arrobbào penne iancòcene
e se le mettette 'mpietto.
Se mmirào, se sentette bella
e mai cchià se spogliào.
Però, ra tànno,
se rice ca è 'nna mariòla.


Traduzione in italiano

La ghiandaia
La ghiandaia
l'uccello più bello nel Cilento
una mattina
non aveva come vestirsi.
Si tuffò
in un orto appena zappato
e si rubò il colore marrone.
Si rimirò, non si piacque
sembrava troppo misera.
Si tuffò nel mare
e si rubò il colore blu.
Si rimirò,
erano pochi solo due colori.
Si tuffò in una macchia
e si rubò fili di verde.
Si tuffò nella notte
e si rubò punte di nero.
Si tuffò
in una siepe di margherite
e si rubò scaglie di giallo.
Si tuffò in una nuvola
e si rubò penne biancastre
e se n'adornò il petto.
Si mirò, si sentì attraente
e mai più si svestì.
Però, da allora,
si dice che è una ladra!


Racconto inviato da: Giuseppe De Vita