POESIE - PUGLIA
Sirinata

Dialetto: Puglia

Sirinata
Nnu fuecu sta mmi mangia l’osse rotte
e nno mmi tae pace ggiurnu e nnotte;
lu sangu sta mmi ‘mpiccia intr’alli vene,
sontu ttre ggiurni ca no ttegnu bbene.
An capu tegnu fissu nnu pinsieri,
osce pi mme gghè co’ nustersa o ieri,
e non c’è nnu minutu ti riggettu
cu sta smania ca tegnu sempre an piettu.

Comu m’innamurai iò no llu sacciu
e mmo ti te mi sentu quettu e ppacciu;
bbasta cu mmi quardi e mi ‘ndi moru,
mi pensu ca mi vuei e nno gghè vveru!

Cu tti ticu no ttegnu lu curaggiu
ca si cchiù bbeddha ti ‘nna rosa a mmaggiu,
ca si cchiù ffresca ti acqua alla funtana,
li mili russi comu ‘nn’amarena.
Ci era ‘nnu poeta ti scrivia
ti la vita la cchiù bbeddha poesia,
ma quattru note cu mmi fazzu bbellu
alla bellezza tua mo sta strimpellu.

Comu m’innamurai iò no llu sacciu
e mmo ti te mi sentu quettu e ppacciu;
bbasta cu mmi quardi e mi ‘ndi moru,
mi pensu ca mi vuei e nno gghè vveru!

Lu core mia gghè mmoddhe comu creta
e sta si squagghia pi ‘sta sirinata;
musica e palore sta ‘mprovvisu,
tu famme, ci ti sienti, ‘nnu sorrisu;
iò comu ggemma moru cullu scelu,
cullu calore tua mi ‘ndi vo’ an cielu,
e ttotte l’addhe mi so’ indifferenti,
oru e ssordi no ccontanu cchiù nnienti.

Comu m’innamurai iò no llu sacciu
e mmo ti te mi sentu quettu e ppacciu;
bbasta cu mmi quardi e mi ‘ndi moru,
ca puru tu mi vuei timme ca è vveru!



Traduzione in italiano

Serenata
Un fuoco mi sta divorando le ossa rotte
e non mi dà pace giorno e notte;
il sangue mi sta incendiando le vene,
son tre giorni che non ho pace.
In testa ho fisso un pensiero,
oggi per me è come ier l’altro o ieri,
e non c’è un minuto di serenità
con questa smania che sento sempre nel petto.

Come mi innamorai io non lo so
e ora di te mi sento cotto e pazzo;
basta che tu mi guardi e me ne muoio,
mi penso che mi vuoi e non è vero!

Non ho il coraggio di dirti
che sei più bella di una rosa a maggio,
che sei più fresca di acqua di fontana,
le guance rosse come l’amarena.
Se fossi un poeta ti scriverei
la più bella poesia della mia vita,
ma quattro note per farmi bello
alla bellezza tua ora sto strimpellando.

Come mi innamorai io non lo so
e ora di te mi sento cotto e pazzo;
basta che tu mi guardi e me ne muoio,
mi penso che mi vuoi e non è vero!

Il mio cuore è molle come creta
e si sta sciogliendo per questa serenata;
musica e parole sto improvvisando,
tu fammi, se ti senti, un sorriso.
Io come gemma muoio al gelo,
col tuo calore me ne vado in cielo
e tutte le altre mi sono indifferenti,
oro e soldi non contano più niente.

Come mi innamorai io non lo so
e ora di te mi sento cotto e pazzo;
basta che tu mi guardi e me ne muoio,
mi penso che mi vuoi e non è vero!

Il mio cuore è molle come creta
e si sta sciogliendo per questa serenata;
musica e parole sto improvvisando,
tu fammi, se ti senti, un sorriso.
Io come gemma muoio al gelo,
col tuo calore me ne vado in cielo
e tutte le altre mi sono indifferenti,
oro e soldi non contano più niente.

Come mi innamorai io non lo so
e ora di te mi sento cotto e pazzo;
basta che tu mi guardi e me ne muoio,
che pure tu mi vuoi, dimmi che è vero!


Racconto inviato da: Armando Polito