POESIE - BASILICATA
La mènola
Possono delle casupole in un piccolo centro storico lanciare un grido di dolore per la sorte di un mandorlo centenario? In poesia possono.
Dialetto: Basilicata

La mènola
A lo paese, inta lo vico,
ng'erano quatto casi
ca stìano 'mpieri
appoggiannose l'una a l'ata,
se strngìano re cchiù
quanno, forte, menava lo viento.
S'aprìano po'
e sbalancavano le fenestre
a li primi suli re primavera.

'mMiezz'a dde quatto mura
int'a 'nna vrènzola re terra,
'nn'urticieddo ng'era 'ncastrato
e 'ncopp'a 'nno viecchio muro
'nna mènola vecchia,
com'a dde mura, ca puntuale,
com'a 'nna 'nnammorata
a marzo se vestìa re ianco,
ppe l'aucieddi,
portanno aria re Pasqua.

Po' venette 'nno patrone nuovo
ma viecchio inta,
e dd'orticieddo, 'nno bello iuorno,
cco 'nna ruspa lo rrevotào,
dda mènola centenara srarecào
e nge piazzào 'nno garage,
'nna barracca re blocchi re cemento.

Scomparèro dd'aucieddi,
li cumpagnièddi re la mènola.
Le quatto casi
mai cchiù rirèro e, a la sera,
sempe se ricìano: che nge stàmo a fa
senza la mènola, vulìmo murì,
levàtinge ra miezzo puri a nui.


Traduzione in italiano

Il mandorlo
Nel vicolo, al paese,
c'erano quattro case
che stavano in piedi
appoggiandosi l'unlaltra,
si stringevano di più
quando, forte, tirava il vento.

Si aprivano
e si spalancavano le finestre
ai primi soli di primavera.
In mezzo a quelle quattro mura,
in un fazzoletto re terra,
era incastonato un piccolo orto
e su di un vecchio muro
un vecchio mandorlo
come quelle mura,
che puntuale, come un'innamorata
a marzo si vestiva di bianco,
per gli uccelli,
portando aria di Pasqua.

Un gorno venne
un padrone nuovo,
ma vecchio dentro,
e da quell'orto
con una ruspa smosse la terra
sradicò quel mandorlo centenario
e vi costruì un garage,
una baracca di blocchi di cemento.

Scomparvero gli uccelli,
i compagni del mandorlo.
Le quattro case
mai più sorrisero e, a sera
sempre dicevano: che ci stiamo a fare
senza il mandorlo, vogliamo morire,
toglieteci di torno pure a noi!


Racconto inviato da: Giuseppe De Vita