RACCONTI - EMILIA ROMAGNA
GIOVANINO
Uno degli amici più cari affoga in mare sotto i nostri occhi. Il ricordo doloroso di quella tragedia che ci ha colpiti quando avevamo 16 anni.
Dialetto: Emilia Romagna

GIOVANINO
U s’arugléva, sla spiagia biænca ad Igea, sla vèsta nira tôta sporca, tla sabia ch’l a j’antræva dimpartótt, s a di rogg... chi t’andéva drétt t e’ côr.
Sòta che zil blô slavæd, u s’arugléva e’ Vicæri ad Satarcanzli parchè Giovanino, e’ su fradèl, l’éra mort, afugæd drointa ch’l’aqua ciæra, pina ad zenta ch’la féva e’ bagn, si su amoig datonda chi n’avoiva putu fæ gnent parchè ch’la curénta maledèta la j’avoiva ciap ma tôtt, la j’avoiva inguplé ti su zoir e l’a i trèva zò. Luilt i s'è svrucé e j'è scapp veés la spiagia, leu nò, la l’à ciap e l’a n l’à piò lass.
"Aiuto!" A rugìmi ma quei dla spiagia, du tré i s’è ziràt cmè doi "s a vut!?" Eun u s’è mèss a roid "J’à sempra voia ad scarzé sti burdlàzz". Intænt i mi pi j’à tòch e’ fònd, a m sò ziràt, ò vest la testa ad Giovanino andæ sò e zò dò volti e pu piò gnent.
E’ vuléva e’ muscaun ross d e’ bagnoin che finalment u s n’éra incort, e pu dagl’ilt e dagl’ilt ancaura, ma Giovanino u n gn’era piò.
- Zdòt an...e pu i dois ch’u j’è e’ Signaur! - E giova qualcadeun dri mè, m e’ funeræl.
Da che dè e nost Vicæri u n’è stæ piò leu





Traduzione in italiano

GIOVANNINO
Si rotolava, sulla spiaggia bianca di Igea, con la veste nera tutta sporca, tra la sabbia che gli entrava dappertutto, con dei lamenti che ti andavano dritti nel cuore.
Sotto quel cielo blu slavato, si rotolava il Vicario di Santarcangelo perchè Giovannino, suo fratello, era morto, affogato dentro quell’acqua chiara, piena di gente che faceva il bagno, coi suoi amici attorno che non avevano potuto far niente perchè quella corrente maledetta li aveva presi tutti, li aveva avvolti nelle sue spire e li tirava giù. Loro si sono liberarti e sono scappati verso la spiaggia, lui no, lo ha preso e non lo ha più lasciato.
"Aiuto!" Urlavamo a quelli sulla spiaggia, due tre si sono girati come a dire "cosa vuoi?" Uno si è messo a ridere "Hanno sempre voglia di scherzare questi ragazzi".
Intanto i miei piedi hanno toccato il fondo, mi sono girato, ho visto la testa di Giovannino andare su e giù due volte e poi più niente.
Volava il moscone rosso del bagnino che finalmente se n’era accorto, e poi degli altri e degli altri ancora, ma Giovannino non c’era più.
- Diciotto anni...e poi dicono che c’è Dio! - Diceva qualcuno vicino a me, al funerale.
Da quel giorno il Vicario non è stato più lui.

Racconto inviato da: Rino Salvi