RACCONTI - LOMBARDIA
L'Ingegner
Questo racconto è ispirato alla vita dell'ingegner C.R. che ha esercitato buona parte della sua professione in Alta Lombardia. Uomo integerrimo, C.R. compare nel racconto sotto il milanesissimo nome di Ambrogio Colombo
Dialetto: Lombardia

L'Ingegner
L'aveven mandàa nela zona de Bormi, i prim ann del Noeuf-cent in on moment che se pensava de costrui i primm centrai: l'ingegner Ambrogio Colombo, che l'era de Porta Romana l'era partìi de Milan malvolentera.
E per dilla tutta i primm moment en Valtelina el s'era trovàa amò pusée mal de quell che'l pensava.
Quella gent che a Milan ciamaven "Valtolin" parlaven sémper el dialet, un dialet che l'ingegner el capiva poch.
E per de pu a Bormi el faseva fret fina a giugn.
Per fortuna che vers el 1930 Ambrogio Colombo l'hann spostàa in on paés visin a Tiran, propi lì ndòe se costruiva la gran central de Stassona. Nel 1934 hinn cominciàa i laorà.
Per l'ingegner Colombo i ènn cominciàa i responsabilità: sòta de luu lavoraven gent de varia proveniensa: Valtelin, Bergamasch, Bressan, Furlan, veneti e insci via.
L'ingegner i so operari el ciamaven "Ambrosìn": l'era pinìn e màgher, ma el meteva sudission. Quand che'l rivava al cantier quaj vun che 'l cercava lavoro, l'ingegner el diseva en Milanés: "adès dedom cosa poeudom fà". Ma "Ambrosin", l'era propi on Milanés col coeur en man: quasi tutti troaven lavoro nelli galerij che se faseveb per la central noeuva.


Traduzione in italiano

L'ingegnere
L'avevano mandato nella zona di Bormio, nei primi anni del Novecento, in un momento che si pensava di costruire le prime centrali: l'ingegnere Ambrogio Colombo, che era di porta Romana era partito da Milano malvolentieri.
E a dire il vero i primi momenti in Valtellina si era trovato ancora peggio di quello che pensava.
Quella gente che a Milano chiamavano
"Valtolin" parlavano sempre dialetto, un dialetto che l'ingegnere capiva poco. E per di più a Bormio facevafreddo fino a Giugno.
per fortuna che verso il 1930 Ambrogio Colombo l'hanno spostato in un paese vicino a Tirano, proprio lì dove si costruiva la grande centrale di Stazzona.Nel 1934 sono cominciati i lavori. per l'ingegnar Colombo sono iniziate le responsabilità: alle sue dipendenze lavoravano persone di varia provenienza: Valtellinesi,Bergamaschi, Bresciani, Friulani e cosi via.
L'Ingegnere i suoi operai lo chiamavano
"Ambrosin", era piccolino e magro, ma metteva soggezione. Quando arrivava al cantiere qualcuno che cercava lavoro, l'ingegnere diceva in Milanese: "adesso vediamo cosa si può fare. Ma "l'Am"rosin" era proprio un Milanese "col cuore in mano": quasi tutti trovavano lavoro nelle gallerie che si costruivano per la centrale
nuova.

Racconto inviato da: Gigi Zanga