POESIE - BASILICATA
Orla mari
Accade che quando stai in riva al mare, in una mattinata di agosto, ti assalgano i pensieri e le fasi della vita ti scorrono davanti come in un film, il tuo film.
Dialetto: Basilicata

Orla mari
Orla mari
quanno lo sole r'aùsto
te scòcena le spaddi
e ddo ventarièddo frisco
te face sorreje
la capo s'affolla re pensieri,
te porta alluongo.

Te viri zico
cco lo sìno nìoro
e la nocca blu.

Te viri òmmene
sott'a ddo lèmmete
ca le paure a dda nenna
re le llevava l'addecrìo.

Te viri 'nnanti
a li prufessuri
cco 'nno trièmo fessa
inta le gammi ppe
dda laura ra dottore.

Te viri appicciato
com'a 'nna pila quanno
la prima vòta stavi
pp'addeventà patre, aspettanno
le strira re la prima criatùra.

Te viri sàlivo
roppo ddo triemo fessa re la terra
ca la facìa abballà
com'a 'nno strummolo.

E, te viri puri
come ancora nun sì,
viecchio
a spassà li figli re li figli
e cco cchi t'amào 'ncapo
e mai te lassa
fin'a l'urtimo respiro.


Traduzione in italiano

Lungo il mare
In riva al mare
quando il sole d'agosto
ti ferisce le spalle
e quella brezza ti fa fremere,
il capo si affolla di pensieri
ti porta lontano.

Ti rivedi bambino
col grembiule nero
ed il fiocco blu.

Ti rivedi uomo
sotto quella siepe
dove le paure a quella ragazza
le allontanava il piacere.

Ti rivedi davanti
ai professori
con un tremolio alle gambe
per quella laurea da dottore.

Ti rivedi elettrizzato
come una pila quando
la prima volta stavi
per diventare padre, aspettando
le grida della prima creatura.

Ti rivedi salvo
dopo quel brutto terremoto
che faceva ballare la terra
come una trottola.

E, ti vedi anche
come ancora non sei,
vecchio
a spassare i figli dei figli
e con chi ti amò nei pensieri
e che mai ti abbandona
fino all'ultimo respiro.







Racconto inviato da: Giuseppe De Vita