POESIE - PUGLIA
Portuservaggiu

Dialetto: Puglia

Portuservaggiu
Sta spunta lu sole ti maggiu,
è ll’arba a Portuservaggiu (1)
e ppi ll’aria si sente profumu
ti murteddha, ti frasca (2) e di tumu.

Iò quardu strecatu stu mare
e mi sentu stringire lu core:
iancu e azzurru, pare pittatu
mare, mare ‘ncantatu.

Lu ndore ti pignu è nnu lussu,
canta e canta lu pittirussu
e la ciciarra (3) li face coru;
ti stu cantu sta mi ndi ‘nnamoru.

Nnu paritieddhu ti petre sale
ti ficatindie ‘mmienzu lli pale
e ti l’onde respira lu spruzzu
lu fiuru iancu ti lu uluzzu (4).

Lu erde è bbiu e senza trucchi
ti li lucertule e ti li mucchi (5)
e lu pastellu ti l’orchitea
pitta li petre ‘nnanti la Lea (6).

Qua lu tiempu stagione no ttene,
qua ti scuerdi ti totte li pene
e felice felice ti sienti,
no tti face suffrire cchiù nnienti.

Sta bbellezza m’ha comu ‘mbriacatu
e ti pace mi sentu inondatu;
ti la sera sta scende lu mantu,
chianu chianu si stuta lu cantu.


E’ ccalatu lu sole ti maggiu,
è nnotte a Portuservaggiu
e ppi ll’aria si sente profumu
ti murteddha, ti frasca e di tumu…

----
(1) Portuservaggiu: Portoselvaggio, parco naturale strappato dopo lunghe battaglie agli appetiti degli speculatori e oggi ben avviato sulla strada dell’adeguata valorizzazione.
(2) frasca: nel Salento designa una componente tipica della macchia mediterranea, il lentischio.
(3) ciciarra: cinciallegra.




Traduzione in italiano

Portoselvaggio
Sta spuntando il sole di maggio,
è l’alba a Portoselvaggio
e per l’aria si sente profumo
di mortella, di frasca e di timo.

Io guardo stregato questo mare
E mi sento stringere il cuore:
bianco e azzurro, sembra dipinto,
mare, mare incantato.

L’odore del pino è un lusso,
canta e canta il pettirosso
e la cinciallegra gli fa coro;
di questo canto mi sto innamorando.

Un muricciolo di pietre sale
dei fichidindia in mezzo alle pale
e delle onde respira lo spruzzo
il fiore bianco dell’asfodelo.

Il verde è vivo e senza trucchi
delle lucertole e dei mucchi,
e il pastello dell’orchidea
dipinge le pietre davanti alla Lea.

Qui il tempo stagione non ha,
qui ti scordi di tutte le pene
e felice felice ti senti,
non ti fa soffrire più niente.

Questa bellezza mi ha come ubriacato
e di pace mi sento inondato;
della sera sta scendendo il manto,
piano piano si smorza il canto.

E’ calato il sole di maggio,
è notte a Portoselvaggio
e per l’aria si sente profumo
di mortella, di frasca e di timo…

----
(4) uluzzu: asfodelo. La voce deriva dal latino albùcius, variante di albùcus=asfodelo, da albus=bianco e l’aggettivo derivato, uluzziano, è diventato un termine scientifico che designa una forma di civiltà del Paleolitico superiore, le cui testimonianze sono state rinvenute in una delle numerose grotte (Grotta del Cavallo) di cui la zona è ricca.
(5) mucchi: sono due varietà di cisto.
(6) Lea: penisoletta caratteristica di Portoselvaggio.



Racconto inviato da: Armando Polito