POESIE - BASILICATA
Lo trappito
Scena antica sul modo tradizionale della produzione dell'olio d'oliva. Lo trappito era il santuario di questa produzione: l'olio extra vergine d'oliva spremuto a freddo. Non c'è più!
Dialetto: Basilicata

Lo trappito
dDo poco re luci
vène ra 'nna lucèrna a uoglio.

L'aria addòra re vapuri re nuzzi,
ca se 'mmesca a lo iàto re lo cavaddo
ca face ggirà le màcene
cco 'nna pezza 'nnanti l'uocchi.

Lo calore vene ra 'nna fornèdda
semp'appicciàta
ca face vodde l'acqua a lo cavoraròne,
c'addà sponzà li frìsculi a la pressa
'ntummi re pasta r'aulive.

Piscicolànno,
uoglio e acqua càvora,
vàno a gghienche 'nno lavièddo
'nterrato sott'a la pressa,
r'addònne, lo trapprtaro
cco 'nna piattèdda re ramalàtta
e 'nna paciènzia ra spezziàle
a goccia a goccia coglie
dd'uoglio ca pare oro
e l'arrovàca a lo staro.

Attramente
'nna fedda re pane re carosèdda
s'abbrùscola a la fornèdda
e s'assaggia cco 'nna pòleve re sale
l'uoglio r'auànno, ca
come sempe sàpe re sole.


Traduzione in italiano

Il frantoio
Quel filo di luce
proviene da una lucerna ad olio.

L'aria odora di vapori di sanza
che si mescola al fiato del cavallo
che fa girare le macine
gli occhi bendati con una straccio.

Il calore si diffonde da un focolare
sempre acceso
che fa bollire l'acqua in una caldaia
che dovrà bagnare i dischi alla pressa
colmi di pasta d'ulive.

Gocciolando,
olio ed acqua calda
vanno a riempire un piccolo tino
interrato sotto la pressa
da dove il frantoiano
con un piatto di lamiera
ed una pazienza da speziale
a goccia a goccia raccoglie
l'olio che sembra oro
e lo depone alla staio.

Nel mentre
una fetta di pane di grano
s'indora al camino
e s'assaggia con una polvere di sale
l'oilio dell'annata che,
come sempre ha il sapore del sole.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita