RACCONTI - LOMBARDIA
Ol massamét d'ol preost
Questo racconto in dialetto orobico ibrido, si ispira a un avvenimento realmente accaduto in una frazione del comune di *** in Valtellina, sulla sponda orobica dell'Adda. Secondo quanto racconta la gente l'omicidio sarebbe venuto per motivi passionali:insomma il delitto sarebbe stato premeditato da un uomo geloso perché il parroco riservava troppe attenzioni a sua moglie. Ma la realtà potrebbe essere diversa...
Dialetto: Lombardia

Ol massamét d'ol preost
Chèl prét, don Carlo, nassit a Comm, l'era riàt a *** de poch ann, amò zòen.
L'era on omm pissen,magher con du oecc azur chi paria spiratacc. El gh'era un modo de fà deciss ch'el piasia ai donn e on po' men ai omen.
L'era un "austriacante" che apena el pòdia el vantava la famèa imperial de Vienna, el "santo governo" de l'Austria, el vosava d'ol pulpet.
Vers al 1840 don Carlo al s'era miss a fa propaganda contra ol Regn de Sardegna e ol so re. Quaj an pioeu tardi l'aveva comensàt a ciamà ol re Carlo Alberto ol "campanù" o ol "pertegù sensa servèl". Chel omm el roevinerà l'Italia el disia quand ol predicava.
Garibaldi per lu l'era on brigante sensa Dio, Mazzini on pastroeugn co li idee confuse e pericolose.
Fatosta che dopo na diséna de agn la zét de*** la comensava a vess scontenta de sto omm, in particular chèla part de la popopassiù che la credìa nel Risorgimento. A *** ol girava tante vos contra ol preost: la piu bruta l'era chèla che "ol comasch" come i ghe disa ol ghe stava drée ai fomne.
Ma la surpresa l'è riàda ai prém de Setember del 1847: Don Carlo i l'à ciapat mort sassinàt, poch foeura d'ol paes. Chi l'e staat s'è l'è mai sait.


Traduzione in italiano

l'uccisione del parroco
Quel prete, don Carlo, nato a Como, era arrivato a ***da pochi anni, ancora giovane.
Era un uomo piccolo di statura, magro, con due occhi azzurri che parevano spiritati. Aveva un modo di fare spiccio che piaceva alle donne e un po' meno agli uomini.
Era un austriacante che appena poteva vantava la famiglia imperiale di Vienna, il santo governo dell'austria, urlava dal pulpito.
Verso il 1840 aveva cominciato a fare propaganda contro il Regno di sardegna e il suo re. Qualche anno più tardi aveva iniziato a chiamare il re carlo Alberto "il campanone" o "lo spilungone senza cervello". quell'uomo rovinerà l'Italia , diceva durante le prediche.Garibaldio per lui era un brigante senza Dio, Mazzini un pasticcione con le idee confuse e pericolose.
Così è stato che dopo una decina di anni la gente di*** cominciava a parlar male del suo parroco: in particolare quelli che credevano nel Risorgimento. A*** giravano tante voci. La peggiore era che il "Comasco", come lo si chiamava, stava dietro alle donne.
Ma la sorpresa arrivò ai primi di Settembre del 1847: don Carlo fu trovato morto assassinato, poco fuori dal paese. Il colpevole non fu mai tyrovato.

Racconto inviato da: Augusto Corbelli