POESIE - BASILICATA
Fatti re 'ncasa
La casa di un tempo era una vera e propria scena: vi nascevi, vi morivi, vi trascorrevi i momenti più significativi della vita. Anche questo senso onnicomprensivo della casa è mutato nel tempo.
Dialetto: Basilicata

Fatti re 'ncasa
L'allucco tuo
ppe trase a la vita.

L'allùcca re l'àti
ppe èsse ra la vita.

Prima,
la nascetae la morte
erano fatti re 'ncasa.

Tutti, amici e parienti
erano preparati
a sti momenti 'mportanti.

La nàsceta,
sa sapìa re festa
r'addore re pulito, re sole,
r'acqua càvora e dde cipria.

La morte,
ca sempe sapìa re vierno,
re silienzii rutti ra chianti,
re 'nn'addore appiccicùso re cera.

'nNa casa,
si nun nge nasci,
si nun nge muori
cche casa è!
Si non se prepara
a cchi addavenì
e a cchi se nne stai ppe gghì?




Traduzione in italiano

Fatti di casa
Il tuo grido
nel venire alla vita.

Le grida degli altri
per uscire dalla vita.

Un tempo,
la nascita e la morte
erano fatti di casa.

Tutti, amici e parenti
erano preparati
a questi momenti importanti.

La nascita
col sapore di festa
con l'odore di pulito, di sole,
di acqua calda e di cipria.

La morte
che, sempre,
aveva il sapore dell'inverno,
di silenzi interrotti da pianti
di un odore appiccicoso di cera.

Una casa,
se non ci nasci
se non ci muori
che casa è!
Se non si prepara
a chi sta per venire
ed a chi sta per andarsene?

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita