POESIE - LAZIO
Gl- ciel r- uoia
Questo dialetto, viene usato solo in una frazione del comune di Cervaro. Ad un disattento osservatore potrebbe apparire simile ad altri, ma alcuni vocaboli, aggettivi, verbi, vengono usati in modo anche sbagliato secondo la grammatica della lingua italiana. La particolarità stà nel fatto che sul territorio dello stesso comune, 7 frazioni più il Centro cittadino, questo dialetto non è conforme a nessun'altro.
Dialetto: Lazio

Gl- ciel r- uoia
Mit s’à regna e chiur- la reglia,
gliù ciel s’mbroglia.
Chiù s-và nnanz chiù semm rannat
Stu ciel ch’l’aria stann nncazzat ,
pur a is hann ruvinat’.

Ah, na vota, agl’ tiemp chiù biegl’
, Giugn’ cuntient c’reva spranz. Gliù sol’(e)
cuceva e tutt’addurava, sapiv sicur ch’era tiemp r-met’,
senza n’ccertezz (e), raccugliv l’ran!!

Che sol’ a giugn’ che trescat’ (e), felic’ raccugliv’quell’ ch’siv semmnat’.
Ma…. uoia, addo stann chell’ Iurnat’(e) ????…..Sò cuntadin ra quann so’ nat’
mai agg’vist gliù ciel n’guaiat.
L’aria grigia e puzzulent’ (e), è dannata; ch-’ chi t’la- pigl’
s’ l’ stagion’(i) sonch cagnat’(e)!!

Uarda gliù ciel e pensa luntan,…. cà ormai arret’n-’s- torna, gl’buc agl’ciel, ormai
è n’grandit’(o ) e t-ric’ sincer’(o) cà gliù prugress’ è fallit’ (o).
I’(o) cuntadin gnurant’ , fin a uoia n’er capit !!!

Ma mò’ ch’sonc- crisciut, ric- al progress’
n,tagg accettat’ (o) e jetta lu v-len’ a chi t’ha criat’ (o).
S-fuss p-mè ! gliù ciel r-uoia n’fuss bucat’ (o)!
Ma azzurro e stellat’(o) comm –a’ quann’ i’ era nat’(o).) (mag. 2008 – Aldo Valente



Traduzione in italiano

Il Cielo di oggi
Metti il fascio di grano e chiudi il covone (operazione per evitare la penetrazione della pioggia)
Perché il cielo s’imbroglia (si guasta –minaccia pioggia)
Più si và avanti, sempre più dannati.
Questo cielo e l’aria sono arrabbiati, anche a loro hanno rovinato.

Ah! una volta, al tempo più bello,
Giugno contento ci dava speranza. Il sole
cuoceva e tutto odorava, sapevi sicuro che era
Il tempo di mietere; senza incertezze raccoglievi
Il grano.

Che sole a giugno, che trebbiate! Felice raccoglievi
ciò che avevi seminato.
Ma oggi, dove stanno quelle giornate?
Sono contadino da quando sono nato, mai ho visto il cielo inguaiato!

L’aria grigia e puzzolente, è dannata ! Con chi te la prendi se le stagioni
sono cambiate ?

Guarda il cielo e pensa lontano che ormai, indietro non si torna,
il buco al cielo ormai si è ingrandito, ti dico sincero che il
progresso è fallito.
Io contadino ignorante, fino ad oggi non avevo capito!


Racconto inviato da: Aldo Valente