POESIE - BASILICATA
dD'addore
Incomparabile il profumo della donna amata, tra quanti di singolari ne esistano in natura.
Dialetto: Basilicata

dD'addore
dD'addore re lippo
roppo 'nna chioppeta fina fina,
dd'addore re fraole re vosco.

dD'addore
re 'nna mortèdda appena potata
o re dda sementèlla spasa
orla mari a prima matina.

dD'addore
re 'nna pa

nedda re pane
appen'assuta ra lo furno,
o re dde 'mbornate càvore.

dD'addore re 'nno
mazzo r'arèan'appena cuòoto
o re ddo 'mmusto re uva moscatèdda
le trovo tutti
mmescati 'ncuoddo a tti
quanno ruormi
e manco te nn'accuorgi
ca t'addoro.

Nge nne trovo
tant'ati
ca so' sulo li tuoi.


Traduzione in italiano

Quel profumo
Quel profumo di muschio
dopo una pioggerellina sottile
o delle fragole di bosco.

Quel profumo
di un mirto appena potato
o delle alghe sparse
sulla rena a prima mattina.

Quel profumo
di una forma di pane
appena sfornata
o di castagne infornate, calde.

Quel profumo di un
mazzo di origano appena raccolto
o del mosto di uva moscato
li trovo tutti mischiati
sulla tua pelle
quando dormi
e manco te ne accorgi
che ti annuso.

Ce ne trovo tanti altri
che sono soltanto tuoi.



Racconto inviato da: Giuseppe De Vita