POESIE - BASILICATA
A 'ncappà lacèrte
Un gioco crudele che facevamo da bambini. Che ci fosse qualcosa d'ancestrale?
Dialetto: Basilicata

A 'ncappà lacèrte
'Ncoppa le murrècene re 'nna vota,
cco li primi sùli càvuri re maggio,
ng'erano lacèrte re tutti culuri
re tutte le misure, ng'erano puri
chedde a dui curi, chedde pelose e
chedde ca cangiavano culuri, li faucitàni.

Sporeàvamo 'nno capo re bbiama salevateca,
a la ponta nge facìamo 'nno lazzo a misura,
e lo paràvamo 'nnanti la vocca
re ddo parente re li ddinosauri
ca la sciòrta salevào ra l'estinsione
e lo facette addeventà zico zico,
'nna miniatura.

Non ng'era scampo ppe la povera lacèrta,
'nno passo 'nnanti re rui centimetri
e se trovava 'nganna 'nchiaccolata,
re facivi fa 'nno ggiro ann'aria
e te portavi a spasso ddo trofeo,
cco dda rivincita ca ra centenara
re megliara r'anni aspettavi.



Traduzione in italiano

A catturare lucertole
Sulle mura a secco di un tempo,
con i primi soli caldi di maggio,
vi erano lucertole d'ogni colore
di ogni misura, vi erano anche
quelle a due code, quelle pelose e
quelle che cambiavano colori, i ramarri.

Pulivamo un filo di orzo selvatico,
alla punta facevamo un cappio a misura
e lo paravamo davanti la bocca
di quel parente dei dinosauri
che la sorte salvò dall'estinsione
e lo fece diventare piccolo piccolo,
una miniatura.

Non c'era scampo per la povera lucertola,
un passo avanti di due centimetri
e si trovava stretta alla gola,
le facevi fare un giro in aria
e ti portavi a spasso quel trofeo,
con quella rivincita che da centinaia
di migliaia d'anni aspettavi.







Racconto inviato da: Giuseppe De Vita