POESIE - CALABRIA
L'indultu
Poesia di Giovanni Di Landro, appartenente al libro: "Tu ndavìa dittu eu..." pubblicato e presentato a Caulonia nel marzo 2008. Nella poesia d'introduzione al suo libro, il giovane poeta cauloniese fa una critica ironica e pungente all'indulto, definito come qualcosa di assolutamente ingiusto, che aiuta i delinquenti e fa del male alle persone oneste. Ma i politici sanno sempre come fare per avere ragione...
Dialetto: Calabria

L'indultu
Dô guvernu fu approvatu
nu progettu assai importanti:
cu’era prima carceratu
mò po’ fari u latitanti!

Cui ammazzau, arrobbau o fici attu
ch’è previstu nto “condonu”,
cû sta leggi, sta di fattu,
ca mò nesci bonu bonu.

Parrau già u primu ministru,
dissi ch’è na cosa bona,
non c’è nenti di sinistru
ca u progettu già funziona;

nudu voli pemmu u m’esti
n’atta vota carceratu,
‘ddunca mò si disonesti
fannu i bravi viatu viatu.

Senatori e deputati
tutti quanti su’ cuntenti,
cû i ministri e i magistrati
e cû puru i delinquenti!.

All’iniziu funzionava
stu progettu chi nescìu,
e u partitu sâ scialava
pecchì giustu u proponìu.

Però poi i cosi cangiaru
e non jìru tantu boni,
ed a cui nescìu u ‘rrestaru
pecchì fici i stessi azioni

ch’avìa fattu î carceratu.
Stu progettu ccà crollau,
stu progettu fu sbagliatu,
però moni, cui sbagliau?

Fattu sta ca nta sei misi,
cû st’indultu chi approvaru,
rovinaru nu pajisi
e l’onesti scuntentaru.

Ma nci vinni na pensata
a cui è parlamentari:
«Pe’ ogni cosa ch’è sbagliata
una bona si pô fari!

Mò dicìmu ca aumentaru
tutti quanti l’arrestati,
e fu bonu ca i pigghjaru,
cchjù sicuri sunnu i strati!»

Ed allura i deputati
mu si fannu propaganda,
ndi gridaru: «Ma guardati
ca arrestammi cchjù î na banda!

Arrestammi i delinquenti,
chista è sì na cosa bona,
cchjù tranquilla mò esti a genti:
Stu progettu ccà funziona!!!»

E accussì a nu gravi errori
cû nu ‘mbrogghju rimediaru;
stati attenti cà a cui mori
dinnu puru ca u sanaru!



Traduzione in italiano

L'indulto
Dal governo è stato approvato
un progetto molto importante:
chi prima era in carcere
adesso può uscire fuori!

Chi ha ucciso, ha rubato, o ha fatto qualcos'altro
che è previsto in questo "condono",
con questa legge, sta di fatto,
che ora esce dal carcere tranquillo.

Ha già parlato il primo ministro,
ha detto che è una cosa buona,
non c'è niente di strano
perché il provvedimento già funziona;

nessuno vuole ritornare
un'altra volta in carcere,
perciò adesso questi disonesti
si comporteranno subito bene.

Senatori e deputati
sono tutti quanti contenti,
insieme a ministri e magistrati
e naturalmente anche insieme ai delinquenti!

All'inizio funzionava
questo nuovo provvedimento,
ed il partito che lo aveva proposto
era felice e contento.

Però poi le cose sono cambiate
e non sono andate più bene,
perché chi era uscito dal carcere
è stato riarrestato per aver commesso le stesse azioni

che aveva fatto per finire in galera.
Questo provvedimento quà è crollato,
questo provvedimento è stato sbagliato,
però adesso, chi ha sbagliato?

Fatto sta che nel giro di sei mesi,
con questo indulto che hanno approvato,
hanno rovinato l'intero paese
ed hanno scontentato le persone oneste.

Ma hanno avuto una trovata geniale
i parlamentari:
<<Da ogni cosa sbagliata
si può trarre sempre vantaggio!

Adesso iniziamo a dire che sono aumentati
tutti gli arrestati,
ed è una cosa buona che sono stati presi,
così le strade sono più sicure!>>

Ed allora i deputati
per farsi una buona propaganda,
hanno iniziato a dire: <<Ma guardate
che abbiamo arrestato più di una banda di delinquenti!

Abbiamo arrestato i delinquenti,
questa è una cosa buona,
adesso la gente è più tranquilla:
Questo provvedimento allora funziona!!!>>

E così ad un grave errore
hanno rimediato facendo un imbroglio;
state attenti perché se muore qualcuno
sono capaci di dire che lo hanno salvato!

Racconto inviato da: Giovanni Di Landro