POESIE - BASILICATA
Masto Pantaleo
Lo scarparo era uno dei mestieri più diffusi nelle società ryrali. Confezionava ogni tipo di calzatura per ogni occasione. Faceva anche le scarpe da morto, allora guadagnava qualcosa di più.
Dialetto: Basilicata

Masto Pantaleo
Le prime scarpetedde
e puri l'urtime te le facìa
iddo: masto Pantaleo,
ritto puri lo setàro
ca ppe ogni punto nne facìa 'nno paro.

T'avìvera sposà, nge vulìa
lo scarpino re vitiello nìoro,
'mbigna e sòla, sponzàta e vattùta
inta e fora cusuta.

pPe la fatìa
scarpuni àuti re vacchetta
sfoteràta re sivi 'ngrassata,
cco li sàleva ponta e li sàleva tacchi
r'acciaio e le sòle chiene re centrella.

Sansali, sandaletti,
ammàli, ammalètti,
scarpini fini ppe zòrie,
'mmaritate o ppe 'nna vecchia,
te pigliava la mmesùra
e int'a tre gghiuorni stavi securo
re te cavozà: mai strette, mai larghe,
sempe iùste.

Com'a la vammàna, masto Pantaleo
spisso vinìa scetato inta la nottata:
ng'era 'nno muorto e r'avìar'appreparà
l'urdemo pàro pp'afrontà l'eternità.

Sulo tànno, forse, r'assìa la iornata:
'nna 'mbigna scarente, 'nno
poco re cartone bell'apparecchiato,
qualche mmesùra sopèrchia
e puri le scarpe ppe l'urdemo viaggio
erano conzate.

Tutti li cunti, tutti li 'nternàcchi
se facìano ddà, attuorno a lo
bangarièddo re masto Pantaleo.

A tre anni te 'nzengàva a ddice:
ingàmbo, cazzo!
a trent'anni, quanno te 'nzoràvi,
e la zita avìa esse mennùta e paccùta
te 'mparava a mette la sveglia
e a ffa l'amore a sponda re lietto.

E, nge mancava, era lo primo a sapè
si avìa cegliàto la vespa.



Traduzione in italiano

Mastro Pantaleo
Le prime scarpette
e anche le ultime te le fceva
lui: mastro Pantaleo,
detto anche il setolaio, che
per ogni punto ne faceva un paio.

Ti dovevi sposare, ci voleva
lo scarpino fine di vitello nero,
nappa e suola, bagnata e battuta,
dentro e fuori cucita.

Per la fatica
scarponi alti di vacchetta
sfoderata, di grasso animale lucidata,
con i salva tacchi e salva punte
d'acciaio e le suoli piene di chiodi.

Sandali, sandaletti,gambali, gambaletti, scarpe fini per ragazze,
sposate o per un'anziana,
ti prendeva la misura
ed in tre giorni eri sicuro di calzarti: mai strette, mai larghe,
sempre a pennello.

Come la levatrice, mastro Pantaleo
spesso veniva svgliato nella nottata:
c'era un morto e doveva approntargli
l'ultimo paio per affrontare l'eternità. Soltanto allora, forse,
si guadagnava la giornata:
una pelle scadente, un poco
di cartone ben mascherato,
qualche misura in più
ed anche le scarpe per l'ultimo viaggio erano confezionate.

Tutti i racconti, tutte le dicerie
si facevano là, intorno al desco
di mastro Pantaleo!

A tre anni ti insegnava a dire:
in gamba, cazzo!
A trent'anni, quando ti sposavi,
e la moglie doveva essere "bona",
ti suggeriva di mettere la sveglia
ed a fare l'amore a sponda di letto.

E, ci mancava, era il primo a sapere
se aveva punto la vespa!

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita