POESIE - BASILICATA
La forgia re masto Rosario
Ancora un antico mestiere presente nel mio paese, un tempo. Le immagini nitide sono rimaste impresse nella memoria, così come vengono raccontate in questa mia poesia, quando i paesi erano più vivi e vivaci di ora.
Dialetto: Basilicata

La forgia re masto Rosario
Ra 'nna porta re fierro, zeca, verde
'nno scalandrone luongo, appiso
scinnìvi a ddo 'mbierno
re rumuri
re caluri
chiino re pòleve e dde faièdde
ca 'nno raggio re sole
'nselecànnose, marcava.

'nNo criatùro miezzo nìccio,
appìso a la catena re lo màntece
se spassava a fa lo sagliescìnni
e li cravùni re cerza a la fornaci
stìano sempe cco dda vampa blu
addòve, mò 'nno zinno re zappa
mò 'nno trèppete, mò 'nna ciampra
re cavaddo addeventavano ianchi,
ccolo colore re lo sole
ca manco le putìvi uardà.

Lo piezzo, mantenuto cco 'nno pinzone,
prima re lo iettà a sfrìe inta
'nna copedda chiena r'acqua fresca,
s'avìar'azzarià, passanno
ra la 'ncudine e masto Rosario
a li riscìpuli, cco lo martieddo zico,
vattìa lo tiempo ppe la mazzola
e lo maglio, semp'arrevotannolo
ddo piezzo ppe re fa piglià
la forma ca già 'ncapo tinìa.

Sott'a dde mazzoccolàte
inta 'nna vranca re momenti
ddo piezzo re fierro ianco,
addeventànno blu, s'avìara formà.

Era 'nn'artista masto Rosario
e ra tutto lo Ciliento vinìano
addòve a iddo a ferrà li ciucci,
le gghiomente e li cavaddi cchiù belli.

E' dda cinquant'anni almeno
ca ddo 'ntennà r'argiento
nun se spanne ppe lo paese
nun se sente inta dde bbica
ma, a ddo piezzo re paese,
ng'è rimasto lo nome: la forgia.


Traduzione in italiano

La forgia di mastro Rpsario
Da una porticina di ferro, verde,
uno scalone lungo, appeso
scendevi a quell'inverno
di rumori
di calori
zeppo di polvere e di scintille
che un raggio di sole
trapelando, marcava.

Un bambino mezzo nudo,
appeso alla catena del mantice
giocava a fare il saliscendi
ed i carboni di quercia alla fornace
stavano sempre con la vampa blu
dove, ora una punta di zappa
ora un treppiede, ora uno zoccolo
di cavallo diventavano bianchi,
colo colore del sole
che manco potevi guardare.

Il pezzo, mantenuto con un pinzone,
prima di gettarlo a sfriggere dentro
un secchio colmo d'acqua fresca, doveva essere battuto, passando
per l'incudine e mastro Rosario
ai discepoli, col martello piccolo,
batteva il tempo per la mazzola
ed il maglio, sempre rivoltandolo
quel pezzo per dargli la forma
che già aveva in testa.

Sotto quei colpi di mazzole
in una manciata di attimi
quel pezzo di ferro bianco,
nel diventare blu doveva formarsi.

Era un artista mastro Rosario
e da tutto il Cilento venivano
da lui a ferrare gli asini
le giumente ed i cavalli più belli.

E' da cinquant'anni almeno
che quei colpi argentini
non si spandono per il paese
non si sentono per i vicoli
ma, a quel pezzo di paese,
c'è rimasto il nome: la forgia.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita