POESIE - LIGURIA
Paisetto abbandonòu
Un vecchio paesino abbandonato può tornare a rivivere nell'emozione di un momento.
Dialetto: Liguria

Paisetto abbandonòu
In te quelle vëgie muagie abbandonæ
e grigoe agoeitan da e fessue de prïe,
e sotto ai téiti de ciappa diroccæ
gh’é solo i öxellin con i seu nïi.

Quarche erbo de meie insarvæghïo,
‘na gëxetta ch’ a pä cacciâ lì a brétio
co un campanin che o pä arrensenïo:
a me pä a gëxetta de un presépio.

Attaccä a-e muagie a lelloa, reginn-a
incontrastä, a creuve prïe e beuggi:
sciù pe ogni cosa a s’arrampinn-a.
Coscì ti m’ë apparïïo davanti a-i euggi

paisetto abbandonòu là in çimma a-o monte,
co-e case diroccæ de prïe e de moìn,
chissà comme t’ei bello in ätri tempi
quando t’avéivi i giragni in scï barcoìn!

Quando a-a séia i ommi lasciæ i campi
tornavan a casa stanchi de laoâ,
e s’assettavan in sciö scæn da porta
a aspëtâ che fïse pronto da mangiâ.

Veddo i figgieu zugâ in quella ciassetta,
mentre e donne in to fresco do mattin
lavavan i drappi in gïo a quelli treuggi
e intanto impïvan l’äia de cansoìn.

Me pä de vedde ‘na testa de vegetta
ch’a m’amïa derrê a-e tendinn-e recammæ...
ma poi all’improvviso o cheu o s’adescia:
derrê a-i veddri gh’è solo i merletti de tagnæ.
Dialetto Genovese




Traduzione in italiano

Paesino abbandonato
In quelle vecchie mura abbandonate
le lucertole curiosano tra le fessure delle pietre,
e sotto i tetti di ardesia diroccati
ci sono solo gli uccellini con i loro nidi.

Qualche albero di mele inselvatichito,
una chiesetta che sembra gettata lì a caso
con un campanile che sembra raggrinzito:
mi sembra la chiesina di un presepe.

Attaccata ai muri l’edera, regina
incontrastata, copre pietre e buchi:
su per ogni cosa si arrampica.
Così mi sei apparso davanti agli occhi

paesino abbandonato là in cima al monte,
con le case diroccate di pietre e mattoni,
chissà com’eri bello in altri tempi
quando avevi i gerani sui balconi!

Quando la sera gli uomini lasciati i campi
tornavano a casa stanchi di lavorare,
e si sedevano sul gradino della porta
aspettando che fosse pronto da mangiare.

Vedo i ragazzi giocare in quella piazzetta,
mentre le donne nel fresco del mattino
lavavano i panni intorno a quei truogoli
e intanto riempivano l’aria di canzoni.

Mi sembra di vedere una testa di vecchietta
che mi guarda dietro le tendine ricamate...
ma poi all’improvviso il cuore si sveglia:
dietro i vetri ci sono solo i merletti delle ragnatele.


Racconto inviato da: Alba Toscanini