POESIE - PUGLIA
La lizzetta ti la felicità

Dialetto: Puglia

La lizzetta ti la felicità
Ticiànu ca si ffelìce sulu quandu
ti quiddhu picchi ca tieni si ccuntèntu,
piccè alla vita tai valòre standu
tra mmalatia, bbisuegnu e stentu.

Pi qquisti tiempi nuesci cusì ppacci
sulu ci è rriccu e bbedhu tene bancu,
e se li sfizi cchiù strani no tti cacci
cu lla ‘mbrogghia e li trucchi no ali mancu

nna fica siccata, e passa pi imbecille
ci lu megghi è ti tutti quanti,
vae d’accordu cu unu sobbr’a mmille,
e nno ccanusce an terra ddii nè santi.

Nnu stuezzu ti pane fa’ tti basta,
lu core ti ci bbuenu è rimastu,
cu lli manu sempre fore ti la pasta,
cu lla cuscienza tua sveglia a cuntrastu.

Cusì, ci la salute poi ti manca,
quandu rria l’ora tua tu sì puè ddire
ca, forse, l’anima ca puerti ete ianca
e ddi stu mundu felice puè bbisire.



Traduzione in italiano

La ricetta della felicità
Dicevano che sei felice solo quando
di quel poco che hai sei contento,
perché alla vita dai valore stando
tra malattia, bisogno e stento.

Per questi tempi nostri così pazzi
solo chi è ricco e bello tiene banco
e se gli sfizi più strani non ti cacci
con l’imbroglio ed i trucchi non vali manco

un fico secco, e passa per imbecille
chi il migliore è di tutti quanti,
va d’accordo con uno su mille
e non conosce in terra dei nè santi.

Un tozzo di pane fa’ che ti basti,
il cuore di chi buono è rimasto,
con le mani sempre fuori dalla pasta,
con la coscienza tua sveglia a contrasto.

Così, se la salute poi ti manca,
quando arriva l’ora tua tu sì puoi dire
che, forse, l’anima che porti è bianca
e da questo mondo felice puoi uscire.


Racconto inviato da: Armando Polito