POESIE - BASILICATA
La fattocchiara
Non c'è paese del Sud dove non sia insidiata una "fattocchiara", una di quelle donne che dice di togliere il malocchio. Di fatto, così, assoggettano quasi tutta la popolazione, non solo gli ignoranti.
Dialetto: Basilicata

La fattocchiara
Chiano chiano,
nèora e male vestuta,
come 'nna trappina,
s'abbìa ppe le bbica
ppe le bbisite re la matina.

'Na zòria ca nun trova marito
a chi no re passa 'nno male re capo
a chi tene paura ca crepa re salute.

Tra rutti, segnali re fàuci,
re chiavi vecchie, mmescati
a rantuli e maleparole
se mette sotto ddi puverièddi
cunvinti ca 'n'uocchio, 'ncuoddo
se posa malignamente.

Nun bòle nienti, r'abbasta
re tenè 'mmano ppe suggestione
la salute re tanta ggente,
puri lo mièrico e lo spezziàle,
lo zappatore e lo parrocchiano.

Pover'a nnui,
ca a lo ruimila,
quanno la gente
vai sulla luna,
ten'abbesuogno
re ste mascìe
ppe n'àto iuorno
tirà a campa.


Traduzione in italiano

La strega
Lentamente
nera e malvestita,
come una talpa,
s'avvia per i vicoli
per le visite mattutine.

Una ragazza che non trova marito
a chi non passa un mal di testa
a chi ha paura di crepar di salute.

Tra singhiozzi, segni di falce
e di chiavi vecchie, mescolati
a rantoli e insulti
aggredisce quei poveretti
convinti che un malocchio
addosso si posa malignamente.

Non vuole compensi,
le basta di possedere
per suggestione
la salute di tanta gente,
anche il medico e il farmacista,
lo zappatore ed il parroco.

Poveri noi
che nel duemila,
quando la gente
va sulla luna,
ha bisogno
di queste magie
per tirare a campare
per un altro giorno.


Racconto inviato da: Giuseppe De Vita