POESIE - BASILICATA
Lo cacaturo
Negli anni '50, in un misero paese de sud, la scuola elementare non aveva un idoneo servizio igienico. Per i bisogni ci si serviva di un pagliaio fuori dalla stanze adibite a scuola. Per non dimenticare.
Dialetto: Basilicata

Lo cacaturo
Era 'nno pagliàro,
quatto muòruli re castagno
reparato ra frasche re fringi,
tutoli re granurìnio,
ièrmiti re paglia,
sott'a 'nno sepàle
a trenta metri ra la scola,
senza porta e cco lo viento
ca se 'nselecàva ra tutti pizzi.

Manco 'nno addinàro,
ma, come le gaddìne
se sistemano 'ncoppa
la pèrteca ppe fa l'uovo,
accussì nui, a filèra,
masculieddi e zurièdde
quann'avìamo abbisuogno
'ngiavìam'arrangià;
puri quanno chiuvìa
e scivolanno
arruinàvi a la cutìma.

La miseria,
cche brutta cosa,
te face èsse cane,
te face èsse addìna
te l'aviver'ammentà
lo iorno ogni matìna
ppe tirà a campà.


Traduzione in italiano

Il gabinetto
Era un pagliaio,
quattro pali di castagno
riparato da frasche di ginestra,
gambi di granturco,
manipoli di paglia,
sotto una siepe
a trenta metri dalla scuola
senza porta e con il vento
che s'infilava da ogni dove.

Nemmeno un gallinaio,
ma, come le galline
si sistemano sulla
pertica per fare l'uovo,
così noi, in fila,
maschi e femmine
quando c'era l'urgenza
dovevamo arrangiarci;
anche quando pioveva
e scivolando
rovinavamo nel letame.

La miseria,
che brutta cosa,
ti faceva essere come un cane,
ti faceva essere come una gallina,
dovevi inventartelo
il giorno ogni mattina
per tirare a campare.



Racconto inviato da: Giuseppe De Vita