RACCONTI - EMILIA ROMAGNA
I bomboloni
Un amico di scuola alle magistrali sta per essere interrogato dalla prof. quando lo chiama...
Dialetto: Emilia Romagna

I bomboloni
“Riminii, stazione di Rimini!”
L’éra la proima roba ch’a sintìmi intænt che i freni i finóiva ad fis-cé, al porti di vaghéun li s’arvóiva e e’ marciapì de “terzo binario” u s’impóiva dal vausi di tghézz ch’jannóiva a scóla a Rémni.
Néun a i lascìmi andæ e a s farmìmi at chi gabinótt sàura e sotpasàg. L’éra ancàura prèst per andæ a scóla e a stimi a lè a dôi dò patacædi intænt che Italo e cantéva “La donna è mobile”. Pu, lutéun lutéun, a s strasnìmi dri al nòsti bàursi sla via Dante.
Sóbti pròima de Dóm, néun a zirìmi a dèstra e a s farmìmi te piazæl dù che òz u j’è i zardinétt. A simi in quàtri ch’a fìmi al magistræli: Cece, Charli, Walter e mè.
Intænt ch’aspitìmi la campanèla Walter e cumpréva dù bomboloni e u j’infiléva tla bàursa.
Cla matòina avìmi la Bracconi ch’l’a s féva italién.
Sò e zò s’j’ócc ma che rigéstri, sò e zò al testi ti bénch ch’li paroiva la “ola” te stadio.
- Viene... oggi voglio sentire...
E i’ócc dla pròf j’andéva dinsò vérs la “bi” e pu la “ci” e pu...zò ad scapæda vérta fin’incæva:
- Oggi viene Vaselli Walter.
- Porca putæna! - E fa Vasèli baténd e’ pógn sla bàursa e sàura chi dó bomboloni ch’i n’à vu gnenca e’ témp ad squansæss.
- Uuuu....
- Vaselli cosa fai il lupo?
- Non posso venire prof.
- Come sarebbe non puoi venire?!
- No perchè...
Walter l’éra dvént ròss cmè un pivaràun, sna mæna u s lisséva i cavéll e sa cl’ælta e stéva tasténd dròinta la bàursa, l’à trat fùra un lôibar tótt spatacæd ad crema.
Nisséun e fiatéva, snò j’occ i ridóiva e j’andéva da la bàursa ad Vasèli ma la fàza dla prof., pu la sbacaræda dla Bracconi che finalmént la avoiva capói.
Dò àuri te bagn, per dæ una ripuloida ma tótt che taca tach.
Mò l’udaur tla bàursa e mi loibri ad Walter l’è arvænz, l’udaur dla crema e dla nòsta gioventó.




Traduzione in italiano

I bomboloni
“Riminiii, stazione di Rimini!”
Era la prima cosa che sentivamo intanto che i freni finivano di fischiare, le porte dei vagoni si aprivano e il marciapiede del “terzo binario” si riempiva delle voci dei giovani che venivano a scuola a Rimini.
Noi li lasciavamo andare e ci fermavamo nelle cabine sopra il sottopassaggio. Era ancora presto per andare a scuola e restavamo lì a dir due stupidaggini intanto che Italo cantava “ La donna è mobile”. Poi, molto lentamente, ci trascinavamo dietro le nostre borse sulla via Dante.
Subito prima del Duomo, noi giravamo a destra e ci fermavamo nel piazzale dove oggi ci sono i giardinetti. Eravamo in quattro a far le magistrali: Cece, Charli, Walter e io.
Intanto che aspettavamo la campanella Walter comprava due bomboloni e li infilava nella borsa.
Quella mattina avevamo la Bracconi che ci faceva italiano.
Su e giù con gli occhi su quel registro, su e giù le teste nei banchi che parevano la “ola” allo stadio.
- Viene... oggi voglio sentire...
E gli occhi della prof. andavano dinsù verso la “bi” e poi la “ci” e poi... giù velocissimi fino in fondo:
- Oggi viene Vaselli Walter.
- Porca puttana! - Fa Vaselli battendo il pugno sulla borsa e sopra quei due bomboloni che non hanno avuto neanche il tempo di scansarsi.
- Uuuu...
- Vaselli cosa fai il lupo?
- Non posso venire prof.
- Come sarebbe non puoi venire?!
- No perchè...
Walter era diventato rosso come un peperone, con una mano si lisciava i capelli e con quell’altra stava tastando dentro la borsa, ha tirato fuori un libro tutto impiastricciato di crema.
Nessuno fiatava, solo gli occhi ridevano e andavano dalla borsa di Vaselli alla faccia della prof., poi la risata della Bracconi che finalmente aveva capito.
Due ore nel bagno, per dare una ripulita a tutto quell’attaccaticcio.
Ma l’odore nella borsa e nei libri di Walter è rimasto, l’odore della crema e della nostra gioventù.


Racconto inviato da: Rino Salvi