RACCONTI - CAMPANIA
Muorto frisco
Cominciare parlando di morte fa bene alla salute. Perché "acqueta 'a capa e scanza 'a jella!"
Dialetto: Campania

Muorto frisco
Stanotte ho sognato la morte.

Dicono che sognare la morte è salutare, ma sognare la propria morte dopo aver cenato con la “pasta e verza cotiche e scard’ ‘e parmiggiane”, ricetta originale di zia MafaIda, credetemi, può diventare un Incubo.

Ho sognato dunque di esser morto.

Da poco, “morto fresco".

E fresco fresco mi sono presentato a S. Pietro, nel Parlatorio Celeste.

Non è vero che S. Pietro sta sulla porta con le chiavi in mano.

Ha un grande ufficio elegante, panoramico, con la scrivania in legno naturale lucidato a specchio, con le poltrone e i telefoni, “receptionist” carine e multilingue, computers a profusione con schermi giganti ed Internet, l'angolo bar fornitissimo di liquori e beveraggi, ma anche chicche e dolcetti per le Signore ed i bimbi… e tutto il resto!.

Mi ha ricevuto personalmente, come del resto fa con tutti, perché dice che nulla va sprecato (che sempre grazia di Dio è), e solo qualche volta si fa aiutare da San Michele con la bilancia per pesare i morti "che vanno a peso"
(quelli cioè che contano poco, forse i comunisti, penso io).

Con un cenno mi in dica una seggiola e mi fa:
«Assettate guagliò» - giustamente S. Pietro parla napoletano… (e come altro potrebbe parlare lui, il principe dei martiri?) - «facciamo una cosa “spiccia” con questo esame preliminare e poi 'nce pigliamm' nu bellu caffè,... che 'n Paraviso è una squisitezza!...»

Si mette comodo anche Lui, non alla sontuosa scrivania ma su un'altra sedia (penso io) per non imbarazzarmi, e:
«Cominciamo dai Doni... Nostro Signore Iddio ti ha dato il sole; tu, come hai onorato questo splendore che hai avuto a'ggratiss?…»

«Ecco, San Piè..., quello,... c'era il problema della 'security',... i calcolatori dovevano essere protetti dagli attacchi terroristici…, i 'dati della clientela' dai pirati informatici... i programmi dalla concorrenza… ecco…, noi praticamente siamo stati sempre chiusi nel Caveau blindato».

«Mmh! …Nostro Signore ti ha dato la luce... che ne hai fatto?...»

«Ah! quella, …Santità…, a volontà! forte e bianca!! ... tutta neonne!...»

«E dei fiorì, delle farfalle, del cielo azzurro e del canto degli uccelli... che mi dici? come hai glorificato Dio?... come hai manifestato la gioia che certo ti esplodeva dentro?...»



«... Eccellenza,... scusate..., io forse non mi sono spiegato. Noi, al Centro Elettronico, 'montavamo' che era ancora buio, e ce ne jevemo quann' vuleva a Maronna... scusate, ... ‘pardon’,... volevo dire che riuscivamo a tornare a casa solo ad orario tardo, e sempre di fretta... chi volete abbia mai fatto caso alle farfalle… ed a tutto quello che avete detto voi?..»

«Mah!... siente a 'mme... e l'aria, l’aria fresca…, dimmi, l'aria, comm' si'te stati ca… ca.. capaci di e la ‘nguajà’?...»

«Quella…, se permettete. …Eminenza…, quella l'abbiamo condizionata!..., temperatura controllata, umidità costante!, filtri antipolvere, antipolline!...»

«.... E antiprofumi e antisospiri!... nient’ addore e mare…Stai ruvinatiello, guagliò…!

(nota dell'Autore: S Pietro chiama tutti guagilò perché lui si sente più vecchio, nel senso che è stato uno dei primi cristiani a convertirsi e farsi santo);

Vabbuono và!.. facciamo…, và!... un'ultima domanda: ‘e ffemmene, cioè le donne, le ragazze, le signore, le fate, le donzelle, le ‘delizie del creato’... raccontami del tuo rapportarti ad esse…»

«... ‘E ffemmene?... avete detto…” 'e ffemmene?”!... Ma…, me vulite sfottere?... o state scherzando?... Maronna.... ma che vi ho fatto, … io?... Maestà, ma di chi state parlando,... delle colleghe… delle colleghe dell'ufficio!?... dell’ufficio mio?... ma… ma ll’avite viste maje?…»

«Va vattenne mò' mò'!..., eretico scismatico deficiente e strunzo!..»

(il ‘Santo Guardaporta’ …, mo’ sta veramente ‘ncazzato!)

«Levati immantinente dalla mia presenza e da questo Paradiso!...
Và all'Inferno, và!... letteralmente intendo, e dico va, fui!... corri!..., e spera soltanto che quello scemo di Belzebù sta ‘mbriaco,… comm’o ssolito sujo!....

Ma ‘mbriaco assaje… assaje!!... Ca si no, te schifano pure Ilà…, all’inferno!...»



Lucio Musto - giovedi 13 aprile 2000)



Traduzione in italiano

Morto fresco


“pasta e verza cotiche e scard’ ‘e parmiggiane”, - frammenti di scorza di formaggio parmigiano




«Assettate guagliò» - siediti, ragazzo!

«facciamo una cosa “spiccia” con questo esame preliminare e poi 'nce pigliamm' nu bellu caffè,... che 'n Paraviso è una squisitezza!...» - sbrighiamoci, così ci rimmarrà il tempo di un bel caffè, che in Paradiso è squisito!

«...che hai avuto a'ggratiss?…» - hai gratuitamente ricevuto





«... tutta neonne!...» - illuminazione con tubi fluorescenti




«... 'montavamo' che era ancora buio, e ce ne jevemo quann' vuleva a Maronna... » - prendevamo servizio ancora di buio e smontavamo quasi "per grazia ricevuta"

«Mah!... siente a 'mme... e l'aria, l’aria fresca…, dimmi, l'aria, comm' si'te stati ca… ca.. capaci di e la ‘nguajà’?...» - Sentimi... e la fresca aria naturale, come siete stati capaci di rovinarla?


«.... nient’ addore e mare…Stai ruvinatiello, guagliò…! - niente odore di mare... le cose non vanno bene, ragazzo mio!


Vabbuono và!.. facciamo…, và!... un'ultima domanda: …» - d'accordo, proviamo con un'ultima domanda...

«... delle colleghe… delle colleghe dell'ufficio!?... dell’ufficio mio?... ma… ma ll’avite viste maje?…» - le colleghe del mio fficio... ma le avete mai viste? (= sono davvero brutte!)

«Va vattenne mò' mò'!..., eretico scismatico deficiente e strunzo!..» - vattene immediatamente...

(il ‘Santo Guardaporta’ …, mo’ sta veramente ‘ncazzato!) - San Pietro è arrabbiatissimo!

«...e spera soltanto che quello scemo di Belzebù sta ‘mbriaco,… comm’o ssolito sujo!....

Ma ‘mbriaco assaje… assaje!!... Ca si no, te schifano pure Ilà…, all’inferno!...» - Spera solo che Belzebù sia ubriaco come di abitudine, altrimenti ti schiferanno anche all'inferno!






Racconto inviato da: Lucio Musto